Bonifica siti inquinati con “l’ecotassa”

Stampa

FONDI ECOTASSA

--------------------------------------------------------------------------------
COMUNE DI CAPURSO
(Provincia di Bari)
COMUNICATO STAMPA
DELL’ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI

La Giunta Municipale di Capurso,
ha ottenuto il finanziamento di  € 50.000,00  utilizzando i fondi “ecotassa”di cui all’art.15 della legge regionale n. 5 del 1997; tale articolo prevede la destinazione del 50% delle entrate per finanziare progetti dei Comuni concernenti tra l’altro la bonifica dei siti inquinati o degradati.
Il Comune di Capurso si è proposto per l’AZIONE 1 : “bonifica di siti degradati per l’abbandono essenzialmente di rifiuti inerti o di beni dismessi”, alla richiesta di finanziamento, l’U.T.C. (Ing. V. Guerra con la collaborazione esterna di dal Geom. Domenico Signorile) ha allegato la planimetria con l’individuazione dei siti, il rilievo fotografico e l’elenco riepilogativo delle quantità stimate.
La volontà politica dell’intera Giunta Municipale ha portato a formalizzare il lavoro tecnico, elaborato a più mani tra l’U.T.C. (Ing. V. Guerra) e gli Affari Generali (Dirigente A. Perilli).
Questa Amministrazione ha raggiunto per la prima volta una serie di obiettivi per la nostra cittadina, il primo è stato di individuare le aree  dislocate sul territorio comunale adibite a discariche abusive, il secondo è stato di “quantificare”, e nei limiti del possibile “qualificare”, i rifiuti abbandonati, ed infine determinare la spesa necessaria alla bonifica degli stessi.
Sono stati individuati n.50 siti su n.130 posizioni complessive, di varia estensione e tipologia.
La superficie interessata dal fenomeno di abbandono incontrollato di rifiuti è pari a circa mq 22.117 della quale:
·         il 33,41%, pari a mq 7.389,50 su suolo pubblico;
·         il 66,59%, pari a mq 14.727,50 su proprietà privata:

I volumi stimati ammontano a mc. 7.726,00 e il 63% di questi sono rappresentati da materiali inerti provenienti da demolizione, per un totale complessivo di mc. 4.871,50.
Il costo unitario per lo smaltimento di tali discariche a cielo aperto è stato preventivato in 1,76 €/q.le di materiale trattato, ne consegue che l’intervento complessivo ha un costo TOTALE pari a € 210.071,83, che depurato dal contributo afferente alle proprietà private (per le quali il Comune opererà previa diffida), comporta un costo effettivo dell’intervento pari a € 77.341,79.
Tale intervento è  comunque superiore alla soglia massima di contribuzione regionale pari a € 50.000,00 ottenuta dall’Amministrazione classificatasi al n.20° posto su n. 56 (Azione 1) (provvedimento n.84, trasmesso al Comune il 28 luglio c.a., a firma del Dirigente Dott. Carlo di Cillo dell’Assessorato all’Ambiente).
Pertanto in relazione alle risorse ottenute, il quantitativo massimo di rifiuti trattabili risulta pari a q.li 22.487,84, il che consentirà di operare da subito sui primi 46 siti, che sviluppano un quantitativo stimato di rifiuti pari a q.li 21.285,00.
Le aree pubbliche interessate saranno in particolare, i cavalcavia e sottovia della S.S. 100 con le relative scarpate e complanari ad essa adiacente; per la restante parte sono interessati i cigli stradali e scarpate a ridosso con le proprietà private.

La realizzazione di un nuovo Parco Urbano, la riqualificazione delle strade exstraubane e la bonifica di siti inquinati, vanno a distinguere una Amministrazione  di centro-sinistra coerente con il proprio programma elettorale.

Capurso il 29/08/03

L’Assessore ai Lavori Pubblici
Gioacchino CarellaAssessorato ai LL.PP. del Comune di Capurso.,
Largo S. Francesco  - 70010 Capurso (BA) ,Italy

pagina WEB http://www.comune.capurso.bari.it/

Gioacchino Carella  e-mail  : Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Ultimo aggiornamento ( Mercoledì 03 Marzo 2010 16:56 )