2 girls 1 cup

Ultime notizie

Tragedia in pieno centro a Capurso. Morto un uomo. Si tratta di un suicidio

E-mail Stampa PDF

CarabinieriDopo aver tentato di togliersi la vita con un arma da fuoco, un uomo di Capurso sui settanta anni, e' morto nelle scorse ore, dopo una corsa disperata in Ambulanza del servizio 118, presso l'Ospedale Di Venere di Carbonara di Bari.
L'uomo capursese, molto conosciuto in paese, e' stato trovato da alcuni passanti, per terra all'interno della villa comunale nei pressi della Basilica della Madona del Pozzo, in una "pozzanghera" di sangue con accanto l'arma utilizzata per togliersi la vita.
Quasi sicuramente si tratta di un suicidio, ma solo le telecamere di videosorveglianza installate nella zona, potranno fare luce sull'accaduto.

Ultimo aggiornamento ( Lunedì 31 Dicembre 2018 17:10 ) Leggi tutto...
 

Comuni ricicloni di Puglia. Capurso figura al terzo posto, con il 74.5% di raccolta differenziata

E-mail Stampa PDF

Comuni ricicloni. XI Edizione COMUNI RICICLONI PUGLIA 2018 - 11^ EDIZIONE
Si è tenuta ieri, venerdi 14 dicembre 2018, presso la sala eventi dell'hotel Palace di Bari, l'XI edizione di Comuni Ricicloni Puglia, manifestazione organizzata da Legambiente con il patrocinio dell'Assessorato alla Qualità dell'Ambiente della Regione Puglia e la collaborazione di ANCI Puglia.
Durante l'evento è stato presentato il rapporto annuale relativo alle performance dei Comuni in tema di gestione dei rifiuti che vede salire al 50,5 % la media regionale di raccolta differenziata e scendere al 43% lo smaltimento in discarica dei rifiuti prodotti.
Tra 113 i comuni virtuosi, premiati a vario titolo, sono 55 quelli che presentano un media superiore al 65%, tra questi figura Capurso con un lusinghiero 74,5% valido come terzo posto nella classifica dei 29 comuni compresi per l'ambita menzione speciale del Premio seconda Categoria di Legambiente.

Ultimo aggiornamento ( Sabato 15 Dicembre 2018 11:41 ) Leggi tutto...
 

A Bari il futuro dell’intelligenza artificiale. Sabato 15 dicembre, ore 9.00, presso l’ex Palazzo delle Poste di Piazza Giulio Cesare

E-mail Stampa PDF

intelligenza artificialeIntelligenza artificiale, al via il primo convegno scientifico in Puglia. La cibernetica e le sue naturali applicazioni nella robotica applicate alla medicina creano molte potenziali commistioni "uomo-macchina" (cyborg) dai risvolti socio-culturali ancora inesplorati. Il mondo scientifico e la società civile si dividono tra sostenitori della evoluzione tecnologica e conservatori della supremazia dell'uomo sulla macchina: in questo scenario, si aprono dubbi di natura bioetica, biomedica, sociologica, giurisprudenziale e religiosa. Dunque, un tema infuocato su cui fare chiarezza con immediatezza, per capirne le potenzialità attuali e future.
Se ne discuterà sabato 15 dicembre, ore 9.00, presso l'ex Palazzo delle Poste di Piazza Giulio Cesare, sede universitaria. Aprirà i lavori Antonio Uricchio, Magnifico Rettore dell'Università di Bari. Interverranno: Stefano Dambruoso, magistrato; Francesco Bellino, Ordinario di Bioetica all'Università di Bari; Michele Crudele, Direttore dell'Alta Scuola Internazionale Residenziale per Innovatori Digitali, del Collegio IPE Poggiolevante; Giuseppe Cascella, Presidente della Commissione Cultura della Città di Bari. La direzione scientifica dell'evento è affidata a Marco Tatullo, Direttore Scientifico "Tecnologica Research Institute" di Crotone. Modererà il giornalista Tommaso Forte. L'evento è inserito nell'ambito della 1^ edizione dell'Euro-Med Human Rights Cultural Week, la settimana della cultura dei diritti umani, che si terrà a Bari dal 14 al 20 dicembre, organizzata dall'Accademia Euro-mediterranea sui diritti umani (E.M.Y.A. – Euro-Med Youth Academy of Human Rights and Migration) con il patrocinio di Regione Puglia, Comune di Bari, Università degli Studi di Bari Aldo Moro, World Monuments Fund di New York e Premio Altiero Spinelli al Parlamento, e in collaborazione con "Nel Gioco del Jazz", "Duke Ellington – Il Pentagramma", "Fondazione Orfeo Mazzitelli" (Teatro Forma) e Forum Mondiale della Pace.

Ultimo aggiornamento ( Giovedì 13 Dicembre 2018 11:13 ) Leggi tutto...
 

Venerata icona della Madonna del Pozzo. 'Svelatio' di presentazione dei lavori di restauro. Presente Mons. Francesco Cacucci, Arcivescovo di Bari-Bitonto

E-mail Stampa PDF

Inizio lavoriSi svolgerà Sabato 15 dicembre 2018 a partire dalle 20.00, la "svelatio" dell'Affresco prodigioso della Madonna del Pozzo ritrovato a Capurso nel 1705 e dei marmi dell'altare maggiore, a seguito dei lavori di restauro durati circa 1 mese.
Dopo le autorizzazioni della Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio per la città metropolitana di Bari e provincia, seguite dalla dott.ssa Daniela De Bellis, i lavori di restauro, eseguiti dallo "Studio d'Arte e restauro" di Andria, dei restauratori Valerio Jaccarino e Giuseppe Zingaro, saranno presentati al pubblico sabato 15 dicembre dopo la celebrazione Eucaristica delle 19, presieduta da Sua Eccellenza Mons. Francesco Cacucci Arcivescovo della Diocesi di Bari-Bitonto.
All'affresco incastonato sull'altare maggiore della fissato alla parete della nicchia, i restauratori hanno da subito accertato il buon ancoraggio dello stesso affresco e proceduto alla pulitura di pesanti strati di paraloid e diversi residui del processo di carbonizzazione formatisi nel tempo, fino a riportare a "nuova luce" i bellissimi volti della Madonna e del bambin Gesù. Tutte le fasi della lavorazione, saranno presentate al pubblico dagli stessi restauratori.

Ultimo aggiornamento ( Martedì 11 Dicembre 2018 10:03 ) Leggi tutto...
 

La fanoje a Capurso... oggi e domani il centro storico si riscalda di atmosfera natalizia. ...di Michele Laricchia

E-mail Stampa PDF

Manifesto FanojeE' tutto pronto per la Fanoje, la più antica festa capursese, in cui si mescolano significati sacri ed aspetti profani. Un tempo, in ogni strada del paese s'accendevano falò (Fanoje) che venivano preparati con orgoglio dagli abitanti dei rioni con l'aiuto dei contadini, i quali portavano dalle campagne rami d'ulivo e tralci di vite. Secondo la leggenda, i falò dovevano servire alla Madonna perché potesse asciugarvi i pannetti di Gesù Bambino, ed anche, secondo una visione più profana, perché fossero cacciati dal paese gli spiriti del male. Quando ormai tutta la legna era bruciata sulla strada rimaneva un immenso fuoco, con cui ciascuno riempiva un braciere per tener viva la fiamma della fede, ma anche – perché no? – per tenere calda la casa durante la notte.
Intorno al fuoco si era soliti consumare taralli, ceci fritti, calzone di cipolla, il tutto annaffiato da un buon bicchiere di vino. La musica di un mandolino poi dava il via alle danze.Centro storico cartina
Oggi, le "Fanoje" sono 2, ma la più importante è quella di Piazza Gramsci, nel cuore di Capurso, che come da tradizione, si incendia alle 20.30 del 7 dicembre dopo il corteo aperto dal Gruppo Sbandieratori e Musici Civitas Mariae, i saluti del Sindaco Francesco Crudele e la benedizione del parroco don Tonio Lobalsamo alla presenza delle autorità militari, civili e religiose, che resterà accesa anche nella serata dell'8 dicembre.
Al tradizionale rito del falò, si affiancherà, anche quest'anno, la realizzazione di un percorso enogastronomico per le vie del centro storico, durante il quale sarà possibile degustare vini, prodotti locali e piatti della tradizione, presso diversi stand dislocati nei luoghi più caratteristici del borgo antico, grazie alla collaborazione delle associazioni locali e di numerosi professionisti dei sapori, provenienti da tutta la Puglia, che hanno trovato giusta dimora nella succulenta Piazza del Gusto, realizzata con il coordinamento dell'associazione Puglia in Corte.

Ultimo aggiornamento ( Venerdì 07 Dicembre 2018 15:48 ) Leggi tutto...
 
Altri articoli...
Pagina 2 di 333