2 girls 1 cup

Ultime notizie

Raccolta differenziata e porta a porta. Esperimento in Via San Pietro e Superga nella Capurso 'triggianese'

E-mail Stampa PDF

altCapurso verso la raccolta differenziata Porta a porta.
Anche se il servizio sarà attivo su tutto il territorio cittadino solo nel 2015, quando finalmente l'ARO 7 espleterà la gara per il gestore unico per tutti e sei i comuni dell'ambito, dall'inizio di dicembre il Comune ha avviato il servizio in via sperimentale nei quartieri di San Pietro e Superga.
Il test è partito lunedì 1 dicembre dopo una lunga campagna di comunicazione e condivisione con i cittadini dei quartieri, con tre giovani "facilitatori" che hanno consegnato a domicilio i kit e il materiale informativo illustrando le modalità di conferimento. Inoltre, sindaco, amministratori, e comandante dei vigili hanno incontrato direttamente i cittadini e spiegato loro tutti gli aspetti della raccolta differenziata e gli effetti positivi di un corretto smaltimento su ambiente, salute e finanze pubbliche.
I risultati delle prime due settimana sono andati ben oltre le aspettative, con risultati davvero notevoli sin della prima settimana; per la frazione organica (il così detto "umido"), ad esempio, si è riusciti a raccogliere quasi tre tonnellate di materiale di ottima qualità e senza impurità alla settimana. Ma altrettanto bene sono andate le raccolte di vetro, plastica e carta.
Il servizio è un progetto del Comune realizzato con un finanziamento FESR di 100.000 € (a fondo perduto) ottenuto partecipando a un bando regionale. Con i fondi sono stati acquistati un mezzo meccanico per la raccolta, le pattumelle e le

Ultimo aggiornamento ( Mercoledì 17 Dicembre 2014 16:25 ) Leggi tutto...
 

Capurso e Cellamare, unite contro la fibra killer. Evitare le rotture delle lastre e le manutenzioni imprudenti. Presentato alla stampa "Puglia eternit free". Attivo il numero verde

E-mail Stampa PDF

La conferenza stampaAvviare il censimento gratuito dell'amianto e tutelare la salute pubblica. I Comuni di Capurso e Cellamare hanno aderito all'iniziativa "Puglia Eternit Free", la prima campagna regionale di informazione sul rischio amianto promossa da Legambiente Puglia, con il patrocinio dell'assessorato alla qualità dell'ambiente della Regione Puglia e con la collaborazione del partner tecnico Teorema Spa.
Il primo passo è la rilevazione statistica dell'amianto nelle aree urbane, industriali ed agricole, così com'è stato disposto dalla legge n. 257/92 e dal Piano Regionale Amianto della Regione Puglia, che prevede l'obbligatorietà del censimento.
"E' un progetto - spiega Francesco Crudele, sindaco di Capurso - a cui noi crediamo. I cittadini potranno rivolgersi al numero verde 800 131 026 per richiedere un sopralluogo tecnico, al fine di censire l'eventuale presenza di materiali e manufatti contenenti amianto. Inoltre, saranno censite le scuole e il patrimonio pubblico comunale. Un progetto ambizioso".
"L'iniziativa di Legambiente Puglia - aggiunge Michele Desantis, sindaco di Cellamare - mira a informare e formare gli operatori agricoli, le imprese edili e i professionisti, nonché, i cittadini sul

Ultimo aggiornamento ( Lunedì 15 Dicembre 2014 16:27 ) Leggi tutto...
 

Ambiente. Capurso e Cellamare, alleati contro la fibra dell’amianto. A Palazzo di Citta' la presentazione del progetto

E-mail Stampa PDF

altDomani mattina, Lunedi 15 dicembre 2014, alle ore 10.30, nella sala giunta di Palazzo di Città a Capurso, si terrà la conferenza stampa della campagna di sensibilizzazione "Puglia Eternit Free" promossa da Legambiente Puglia.
"Puglia eternit free" è la prima campagna regionale di informazione sul rischio amianto promossa da Legambiente Puglia, con il patrocinio dell'Assessorato alla Qualità dell'Ambiente della Regione Puglia e con l'adesione dei Comuni di Capurso e Cellamare, nonché, con la parteschip di Teorema Spa, mirata alla rilevazione statistica di amianto nelle aree urbane, industriali e agricole, così come disposto dalla

Ultimo aggiornamento ( Domenica 14 Dicembre 2014 14:08 ) Leggi tutto...
 

Solaria. Costruire Green a Capurso

E-mail Stampa PDF

Il complesso SolariaIl comune di Capurso ha promosso la realizzazione, insieme alla Regione Puglia, di un esempio di edilizia energeticamente sostenibile del "Gruppo Stolfa Edilizia" chiamato Solaria, un complesso residenziale costituito da 25 unità abitative certificate in classe energetica A+.
Parliamo dunque di un'edilizia a basso impatto ambientale, capace di ridurre notevolmente i consumi energetici e idrici. In altre parole, un mix di edilizia di qualità e innovazione tecnologica che ha permesso all'azienda capursese di ottenere lo scorso fine mese un riconoscimento della giuria al "Premio Innovazione Amica dell'Ambiente 2013" promosso da Legambiente.
Questo stabile è in grado di offrire alle abitazioni tutti i servizi di riscaldamento, raffreddamento e acqua sanitaria ottimizzando il ricorso alle fonti di energia rinnovabile. Tutto questo si traduce in risparmio sulle bollette e maggiore comfort e benessere abitativo, garantendo allo stesso tempo la tutela dell'ambiente, del clima e della salute, la diminuzione degli scarichi inquinanti e un minor

Ultimo aggiornamento ( Sabato 15 Febbraio 2014 15:24 ) Leggi tutto...
 

Raccolta differenziata. Scatta l'obbligo per i commercianti. Ma non tutti hanno ricevuto adeguate comunicazioni: ho appreso dell'ordinanza da una locandina al supermercato! Ma bastera' per scongiurare ulteriori aggravi di tasse sui rifiuti?

E-mail Stampa PDF

Una attivita' commercialeNuovo mese, nuovo stile di vita: "è vietato scherzare" come direbbe il sindaco Francesco Crudele.
Certo, chi scherzerebbe con il proprio denaro?
Se Capurso non dovesse riuscire a ridimensionare la propria percentuale di "differenziazione di rifiuti urbani" (attualmente al 12%, ...clicca per approfondimenti), ci sarebbe davvero molto poco da scherzare con le tasche dei cittadini capursesi.
Da tempo se ne discuteva e, non essendoci attualmente le condizioni per avviare la raccolta differenziata "porta a porta", l'Amministrazione ha scelto vie traverse per tentare d'incrementare quel temibile valore percentuale: se quest'ultimo dovesse rimanere tale, l'anno prossimo potrebbe ostacolare il progetto di un bilancio tasse di cui andar fieri, come quello stabilito per quest'anno.
Per questo motivo, dal 1 febbraio 2014, è entrata in vigore "l'ordinanza che prevede l'obbligo, per alcune attività economiche, in particolare quegli esercizi che effettuano somministrazione di

Ultimo aggiornamento ( Lunedì 03 Febbraio 2014 12:36 ) Leggi tutto...
 
Altri articoli...
Pagina 3 di 7