2 girls 1 cup

Raccolta differenziata e porta a porta. Esperimento in Via San Pietro e Superga nella Capurso 'triggianese'

E-mail Stampa PDF

altCapurso verso la raccolta differenziata Porta a porta.
Anche se il servizio sarà attivo su tutto il territorio cittadino solo nel 2015, quando finalmente l'ARO 7 espleterà la gara per il gestore unico per tutti e sei i comuni dell'ambito, dall'inizio di dicembre il Comune ha avviato il servizio in via sperimentale nei quartieri di San Pietro e Superga.
Il test è partito lunedì 1 dicembre dopo una lunga campagna di comunicazione e condivisione con i cittadini dei quartieri, con tre giovani "facilitatori" che hanno consegnato a domicilio i kit e il materiale informativo illustrando le modalità di conferimento. Inoltre, sindaco, amministratori, e comandante dei vigili hanno incontrato direttamente i cittadini e spiegato loro tutti gli aspetti della raccolta differenziata e gli effetti positivi di un corretto smaltimento su ambiente, salute e finanze pubbliche.
I risultati delle prime due settimana sono andati ben oltre le aspettative, con risultati davvero notevoli sin della prima settimana; per la frazione organica (il così detto "umido"), ad esempio, si è riusciti a raccogliere quasi tre tonnellate di materiale di ottima qualità e senza impurità alla settimana. Ma altrettanto bene sono andate le raccolte di vetro, plastica e carta.
Il servizio è un progetto del Comune realizzato con un finanziamento FESR di 100.000 € (a fondo perduto) ottenuto partecipando a un bando regionale. Con i fondi sono stati acquistati un mezzo meccanico per la raccolta, le pattumelle e le

buste speciali.
Dall'inizio del servizio, ogni mattina, domenica compresa, le zone interessate sono perlustrate da una pattuglia di quartiere composta da due vigili e un operatore del servizio civico; a loro spetta controllare che la raccolta differenziata sia effettuata correttamente. Per le prime due settimane è stata accordata un po' di tolleranza: non sono state elevate contravvenzioni in caso di errato conferimento dei rifiuti e ci si è dedicati soprattutto a segnalare ai cittadini gli eventuali errori invitandoli ad adeguarsi alle modalità previste. Le uniche sanzioni sono state riservate a cittadini che hanno abbandonato per terra nella busta di plastica rifiuti indifferenziati.
"Posso dire senza tema di smentita – ha detto il sindaco, Francesco Crudeleche si tratta di un enorme successo. Dal 1 dicembre, ogni mattina, dalle ore 8.30, sono stato nei quartieri San Pietro e Superga a parlare coi cittadini del servizio e a controllare che le cose andassero per il meglio: tutti i feed back sono positivi.
Un bel successo di squadra che comprende la nostra abilità nel reperire finanziamenti, la professionalità e l'impegno dei nostri vigili urbani a cominciare dal comandante Campanella, e soprattutto la collaborazione e il senso civico dei capursesi.
I tempi del bando intercomunale dell'ARO 7 si sono rivelati molto lunghi, ma nel frattempo non siamo rimasti a guardare e, come Comune abbiamo messo in campo una serie di interventi per aumentare la nostra raccolta comunale: dopo le campagne informative nelle scuole e la raccolta mirata con le attività commerciali, ora possiamo partire con questo esperimento. In questo modo, senza costi aggiuntivi per i cittadini, stiamo elevando la percentuale di raccolta differenziata e risparmiando denaro pubblico. Un buon viatico per quello che accadrà nel 2015, quando estenderemo il "porta porta" spinto su tutto il territorio capursese".
Capurso on line - Amministrazione

Ultimo aggiornamento ( Mercoledì 17 Dicembre 2014 16:25 )