2 girls 1 cup

Contributi regionali. Incontro di presentazione in biblioteca comunale

E-mail Stampa PDF

Si è tenuto ieri sera, nella Biblioteca D'Addosio all'interno della Villa Comunale, l'incontro di presentazione alla cittadinanza ma soprattutto alle aziende che sul territorio capursese operano nel commercio al dettaglio e di vicinato, sul bando Regionale pubblicato sul Bollettino Ufficiale della Regione Puglia, riguardante il finanziamento di progetti di ristrutturazione, nuove aperture e di innovazione delle piccole attività (clicca sulla foto per visualizzare le fotografie) commerciali, "Interventi in favore delle Pmi".
All'incontro ha partecipato l'Assessore Gioacchino Carella, il Vice Sindaco Mario Costantini, e il dott. Antonio Pinto, del Distretto urbano del commercio, moderati dal dott. Vito Prigigallo del Comune di Capurso.
Nel corso del dibattito è emersa la volonta del Comune di Capurso, di sostenere le Aziende interessate anche attraverso un futuro "contributo comunale", volto a sostenere il maggior numero di commercianti "pronti" anche ad investire in una nuova  attività nella "spina d'orsale di Capurso" (centro cittadino) ma soprattutto nel borgo antico.
Punto cardine dell'incontro però, il bando predisposto dal servizio Attività economiche e Consumatori della Regione Puglia, che vale più di 6 milioni e mezzo di euro. Il bando che si chiama per intero "Interventi a favore delle Pmi nel settore del commercio" prevede il 70% delle spese ammissibili a fondo perduto. In soldoni, ogni commerciante potrà avere a propria disposizione fino a 25mila euro a fondo perduto, mentre per le associazioni di via o di strada (non inferiori a 6 unità) la somma raddoppia a 50mila. In sostanza, per un investimento di circa 36mila euro, il commerciante ne riceverà

25mila dalla Regione e sulle proprie tasche peserebbe solo una spesa da 11mila euro circa.
Per la prima volta l'attività commerciale può essere anche esclusivamente on-line, perché viene agevolato l'e-commerce; per la prima volta in un bando destinato al commercio l'accesso è esclusivamente telematico e richiede il possesso della pec e della firma digitale sia per il commerciante che per i suoi fornitori.
Così, conti alla mano, potranno essere agevolati almeno 223 piccoli esercizi e 120 imprese associate per un totale di 343 esercizi, considerando che tutti chiedano il massimo contributo, cioè 25mila euro. Se la richiesta, come avviene spesso, si fermasse ad una somma inferiore, la platea dei beneficiari si allargherebbe ulteriormente.
Sarà possibile cominciare ad inviare le proprie domande dal 4 marzo fino al 4 aprile 2013 e per accedere occorre seguire la procedura telematica indicata sul portale www.sistema.puglia.it, nella sezione "Bandi in corso". IMPORTANTE!!! Chi arriva prima si aggiudica l'incentivo: la graduatoria sarà predisposta infatti sulla base dell'ordine cronologico di presentazione della domanda e fino ad esaurimento delle risorse disponibili.
L'intervento fa parte di un programma strategico triennale del valore di 13 milioni di euro (fondi statali e regionali), finalizzato alla realizzazione dei Distretti urbani del Commercio, per il quale sono stati già varati altri due bandi del valore complessivo di 6,45 milioni di euro.
Per ulteriori informazioni Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. - Visualizza le foto del convegno
Fonte: Capurso on line Redazione

 

Ultimo aggiornamento ( Mercoledì 13 Febbraio 2013 19:08 )