Rischio sfratto. Un contributo a fondo perduto dal Comune per inquilini in difficoltà

Stampa

alt15.000 euro disponibili a fondo perduto per gli inquilini a rischio sfratto che abitano a Capurso.
È questo l'ultimo intervento in ordine di tempo definito dall'Amministrazione comunale, che ha infatti deciso di utilizzare parte dei fondi regionali destinati ai contributi per gli affitti, a quei cittadini che si trovano in situazioni di morosità incolpevole, ovvero a rischio di sfratto.
L'intervento, tra i primi di questo tipo realizzati in Puglia, è possibile anche grazie ai 45.277,98 euro supplementari concessi dalla Regione Puglia al Comune come premio per aver cofinanziato con propri fondi (20.000 euro) il programma di sostegno alle famiglie in affitto.
Le modalità per accedere al fondo a sostegno della morosità incolpevole sono contenute in un avviso pubblico consultabile sul sito del comune di Capurso.
L'avviso pubblico e riservato a nuclei familiari che possano dimostrare una riduzione del reddito di almeno il 50% dal 2012 al 2013, e che alla data di presentazione della domanda di contributo non abbiano corrisposto almeno 3 mensilità di affitto.
Il contributo concedibile è pari a tre mensilità per un ammontare massimo della quota regionale di € 1.500. Agli aventi diritto sarà erogato il contributo secondo l'ordine di arrivo delle domande fino ad esaurimento

delle risorse disponibili e fino alla data del 31/12/2014.
Le domande di partecipazione del presente bando dovranno essere compilate sui moduli forniti dal Comune e scaricabili dal sito istituzionale www.comune.capurso.bari.it
Le domande di contributo dovranno essere presentate all'Ufficio Protocollo del Comune di Capurso dal lunedì al venerdì dalle ore 09:00 alle ore 13:00, entro il termine perentorio delle ore 12:00 del 31 dicembre 2014.
"Il mio lavoro quotidiano mi porta di continuo a contatto con cittadini in situazione di grande difficoltà e a volte di disperazione; la grave crisi economica e occupazionale che stiamo attraversando – comunica il Sindaco, Francesco Crudele - sfida le amministrazioni pubbliche a trovare sempre nuovi strumenti di intervento. Dopo il Servizio civico e il progetto Comunità educante, questa amministrazione, grazie anche al lavoro dell'Assessore Dina Munno, mette in campo un nuovo strumento per contenere e contrastare i disagi delle famiglie più fragili. Interventi di sostegno eccezionale che sempre si accompagnano ad azioni mirate per lo sviluppo e la promozione della economia locale: seguendo questo binario anche nel prossimo futuro, il contesto non potrà che migliorare."
Capurso on line - Amministrazione

Ultimo aggiornamento ( Martedì 14 Ottobre 2014 11:55 )