2 girls 1 cup

27 Gennaio 2016. 71 anni pieni di ricordi

E-mail Stampa PDF

Shoa 2016"Oggi il ricordo è un dovere, ma si dovrebbe riaffermare ogni giorno il rifiuto della violenza dell'uomo contro l'uomo nella forma del genocidio". Sono le parole con le quali il presidente del Consiglio regionale della Puglia Mario Loizzo ha aperto il convegno tenuto a Bari, nell'Aula consiliare in via Capruzzi, alla presenza delle massime autorità civili e militari e di tanti studenti delle scuole cittadine. "È la giornata – ha fatto presente - in cui riflettere è un obbligo morale, per parlare ai giovani e gettare i semi della pace, che spetta a loro far crescere". Anche il governatore Michele Emiliano ha fatto pervenire un messaggio, in cui richiama l'impegno ad educare le giovani generazioni "a non restare indifferenti".
Una legge della Repubblica, n. 211 del 2000, ha istituito il 27 gennaio come Giorno della Memoria, per ricordare lo sterminio del popolo ebraico e la deportazione dei militari e detenuti politici italiani nei campi nazisti. L'olocausto ha ucciso sei milioni di ebrei, la metà di quelli europei, un terzo degli ebrei del mondo. E un milione e mezzo erano bambini. "Ricordare quelle vittime non può essere una semplice abitudine perché mantenere viva la memoria dello sterminio deve aiutare le nuove generazioni a tenerlo lontano dal loro futuro – sempre il presidente Loizzo – tanto più mentre oggi ci ritroviamo a dover combattere culture razziste e xenofobe che trovano sempre nuovi bersagli, ancora una volta tra la gente

innocente".
È fondamentale l'incontro con i giovani su questi temi, per fare del vissuto doloroso di quegli anni una memoria diffusa e condivisa, che aiuti a bandire il genocidio dalla società umana, ha osservato il prefetto di Bari Carmela Pagano, presente con il questore Antonio De Iesu e, per le Forze Armate e i Corpi dello Stato, il generale della Guardia di Finanza Giuseppe Vicanolo (che ha ricordato il significato della nostra Costituzione "di pace"), i generali Mauro Prezioso (Esercito) e Giovanni Cataldo (Carabinieri), il capitano di vascello Luigi Leotta della Capitaneria di Porto e il colonnello Raimondo D'Andria delle Scuole AM-Terza Regione Aerea.
"Settantasei anni fa, è scoccata nel nostro continente la scintilla che ha scatenato la seconda guerra mondiale, con tutte le sue conseguenze. Facciamo in modo che dall'Europa si propaghi ora una strategia politica, culturale ed etica di pacificazione. Impegniamoci a fare della memoria il motivo ispiratore di politiche internazionali concrete, a vantaggio della pace": la conclusione del presidente Loizzo ha reso il senso dell'intera giornata.
Anche a Capurso una particolare manifestazione per ricordare la Shoa...
All'interno della Biblioteca Comunale, il Coro di Venere Ensemble degli studenti dell'Istituto S. Giovanni Bosco, si esibiranno nell'ambito della "Giornata della memoria, per non dimenticare", organizzato dall'Associazione Maschere Tamburi, con il Patrocinio del Comune di Capurso.
Appuntamento alle 19,00 presso la Biblioteca Comunale.
Capurso on line - Amministrazione

Ultimo aggiornamento ( Mercoledì 27 Gennaio 2016 17:37 )