2 girls 1 cup

Rullo compressore VS Terremoto “SINKHOLE”.

E-mail Stampa PDF

 

Il misterioso match continua…

 

 

Scuola Media Gennaro VenistiA distanza di 10 giorni dall’inspiegabile fenomeno tellurico che ha colpito la Succursale della Scuola Media Gennaro Venisti, di Via Magliano, si continua a “lottare” per capire come e cosa sia successo mercoledì 13 Gennaio.

 

COSA E’ SUCCESSO?
Durante le solite lezioni scolastiche, si presenta come un fulmine a ciel sereno, tra le 10.00 e le 10.30, un insolita vibrazione dell’edificio che induce al panico e alla confusione tutta la scolaresca.
Avvertita urgentemente la dirigente scolastica, Prof.ssa Gianna Tarantino, che in quel momento si trovava nel suo ufficio presso la sede centrale, la stessa recatasi immediatamente sul posto, una volta chiarita la situazione, ha ordinato lo sgombero dell’edificio e chiamato le forze dell’ordine.
DI CHI E’ LA COLPA?
La vera “diagnosi”, negativa, è stata fatta su un probabile incidente cantieristico dovuto da un rullo compressore compattatore, in funzione in quel momento sul cantiere adiacente la scuola, dove presto sorgerà un complesso residenziale.
Si presumeva fosse troppo potente e troppo vicino all’edifico scolastico tanto da provocare vibrazioni del calibro di un terremoto.
Allorché la Professoressa Tarantino richiede un “incidente probatorio”, che da quanto si evince nella relazione dei funzionari pubblici, non portava nessuna sensazione dello strano evento precedentemente accaduto.
Di contro resiste la “webbizzata diagnosi” dell’Avv. Pino Mariani che grazie a internet ha potuto acquisire nozioni di geologia, come dice lui:“agevolmente reperibili”.
Sostiene che la causa dello strano fenomeno provenga da un “crollo carsico”, chiamato con il termine Sinkhole; dovuto dalle proprietà del suolo e del sottosuolo della zona di via Ognissanti e via Magliano; che costatamene risulta essere una zona carsica, in quanto percorsa da un fiume sotterraneo.
COSA SI E’ FATTO?
Come al solito NULLA!!! (in base al parere dei genitori, dei bimbi coinvolti).
Anzi si è ancora in attesa dell’esito delle indagini geologiche da parte del Comune di Capurso.
Da parte dei genitori degli alunni, è stata organizzata una petizione al Commissario prefettizio per avviare con la massima urgenza tutte le indagini inerenti il caso.
In più è stata fatta una riunione martedì scorso nell’Ufficio del Commissario Prefettizio, dott.ssa Maria Bianca Paola Schettini, dove si è concordato che in 10 giorni lo stesso Commissario, avrebbe fatto sapere con esattezza i modi e le maniere per effettuare con i professionisti del caso le indagini del fenomeno.
A capo della delegazione dei genitori ricevuta dal Commissario, l’avvocato Pino Mariani appassionato di geologia.
Fonte: Capurso on-line - Redazione

Ultimo aggiornamento ( Venerdì 05 Marzo 2010 18:32 )