2 girls 1 cup

Il Natale tra arte, cultura e tipicita'. Le attivita' di Ecotour

E-mail Stampa PDF

altEccoci pienamente entrati nel magico clima natalizio, ricco di sorprese, novità, ma soprattutto aspettative e tanta voglia di esprimersi attraverso ricette tipiche e tradizionali e la preparazione di piatti succulenti, nonché con l'accoglienza nelle nostre case dell'albero di Natale, che diventa un vero e proprio compagno di stagione.
Lo scorso anno la nostra associazione ha puntato il calendario natalizio sull'arte presepiale, accompagnando i partecipanti tra le vie e le chiese del nostro paese, Capurso, quelle di Bari Vecchia, caratterizzate dai presepi nei portoni, quelle di Lecce, arricchite dall'esposizione dei famosi pupi che rappresentano l'arte per eccellenza pugliese e per finire quelle di Napoli, i cui pastori sono la manifestazione dell'arte presepiale a livello mondiale. Abbiamo esaminato affinità, differenze, senza tralasciare le peculiarità artistiche dei luoghi visitati.
Quest'anno abbiamo pensato di realizzare attività e visite guidate legate non solo all'arte culinaria, ma anche e soprattutto alla visite di monumenti e

luoghi di cultura che fanno parte della storia di Puglia, e che nel periodo natalizio aprono le porte a turisti e non, ma che soprattutto arricchiscono le visite guidate tra vicoli e presepi dando agli stessi un valore aggiunto.
Di notevole rilevanza la visita guidata presso il Museo Nicolaiano a Bari, effettuata domenica 15 Dicembre.
San Nicola, figura enigmatica e peculiare che lega Oriente ed Occidente, rappresenta per tanti paesi Babbo Natale che porta i doni ai piccoli.
Un excursus, quello natalizio, curato dall'associazione, che mette al centro la figura del santo dal punto di vista storico, delle tradizioni e delle leggende.
Il museo Nicolaiano è stato scelto in quanto raccoglie quei tesori storico artistici legati alla Basilica di San Nicola, cuore spirituale della città.
Tale legame si riferisce anche ai reperti dell'antichità romana o dell'alto medioevo a motivo del fatto che la Basilica fa largamente uso di materiali di reimpiego anche di notevole fattura.
Partendo dall'antichità, si attraversano le epoche bizantina, normanna, sveva, angioina, aragonese, vicereale, borbonica e postunitaria.
Epigrafi, pergamene e codici miniati (provenienti dal prezioso Archivio della Basilica), smalti, stemmi, reliquiari, calici e argenti (provenienti dal Tesoro), dipinti e paramenti sacri hanno permesso ai visitatori di venire a contatto diretto con capolavori e documenti che hanno fatto la storia del Santo, della Basilica e della Città.
Nell'affascinante atmosfera natalizia che pervade Bari Vecchia, abbiamo assistito allo spettacolo di donne, bambini e uomini nei sottani che preparano addobbi natalizi e pietanze tipiche, attraverso una passeggiata guidata per la città dove abbiamo ammirato la Basilica ed i presepi nei portoni, caratteristica peculiare tramandata da tempi antichi di generazione in generazione.
Visualizza le foto della visita
Rossana Pepe

Ultimo aggiornamento ( Martedì 17 Dicembre 2013 07:27 )