2 girls 1 cup

Ultime notizie

“Biografia di un capitano", Un libro e un esempio per i giovani

E-mail Stampa PDF
MONOPOLI - Dal Barone Colucci un aiuto ai degenti purtroppo colpiti da malattie oncologiche. L'ha detto e l'ha fatto, e il patron di Plastic Puglia, il Barone capitano Vitantonio Colucci, 74 anni, ha destinato pochi giorni fa i proventi della sua "Biografia di un Capitano, tre volti una vita" (edizioni Vivere in, Monopoli; 192 pagine) all'Unitalsi monopolitana. La consegna dell'assegno nel suo studio, nelle mani di Michele Formica, presidente della locale sezione dell'Unitalsi. La cifra non è stata resa nota ma Formica dichiara "siamo contenti perché con questa somma riusciamo a trasportare i degenti agli ospedali oncologici per almeno un mese e mezzo". Il servizio di trasporto degli ammalati è attivo da almeno 4 anni e non è soltanto un fatto di spostamento fisico "ma anche di vicinanza alle famiglie che soffrono con i loro cari" sottolinea Formica. Come per la mensa sociale, abbiamo un continuo bisogno di sostegno "e - prosegue - in questo è ammirevole la generosità del Barone". "Vorrei essere di esempio per gli altri" sottolinea Colucci. Il libro biografico è stato scritto da Giovanni Quaranta, un avvocato di Fasano, consulente editoriale. Contiene anche foto di vita e di famiglia, aforismi che caratterizzano Colucci fra la sua gente. Lui che si dice un "self made man". Il suo vanto, oltre alle attività produttive e la sua famiglia, è l'avere creato all'interno della sua azienda un piccolo parco florofaunistico e un  museo della tradizione contadina. Non ha mai dimenticato la sua storia fin dalle origini e i gradi di Capitano marconista su grandi navi. Il suo invito è comunque quello di sostenere l'Unitalsi e poi "anche i proventi dei prossimi libri saranno destinati in beneficenza, perché è nostro dovere essere sempre vicini a chi soffre" sottolinea Colucci (info libro tel. 080 802122; info Unitalsi Monopoli tel. 080 9306853).
IL LIBRO "BIOGRAFIA DI UN CAPITANO"
Riassume la vita di un uomo, Vitantonio Colucci, e la sua azione in un'azienda che dà lavoro da anni e produce tubi in plastica per l'irrigazione. Colucci, già autore del  libro "Economia di uno sviluppo inesistente" Colucci questa volta si è lasciato invece intervistare dall'autore di questo nuovo volume in elegante veste grafica, che è l'avvocato Giovanni Quaranta di Fasano.
Il libro oltre a varie storie, contiene quella serie di aforismi e consigli di vita che Colucci dispensa quotidianamente in fabbrica come in famiglia, e inoltre il suo personalissimo, ma utile, decalogo dell'imprenditore modello che resta perennemente affisso nel suo ufficio personale dove, davanti alla grande vetrata, c'è un canocchiale puntato verso il mare, come in una nave. «Ho dismesso gli abiti del Capitano di Marina - specifica Colucci - ma resto, come chiunque dovrebbe esserlo, un capitano dentro per tutta la vita».
Fonte: Capurso on line - Eustachio Cazzorla
Ultimo aggiornamento ( Giovedì 07 Febbraio 2013 12:17 )
 

Concorso letterario “Binari di Puglia”. Sabato 2 febbraio la cerimonia di premazione

E-mail Stampa PDF
Sabato 2 febbraio, a partire dalle ore 17:00, presso il Fortino Sant'Antonio di Bari (Lungomare Imperatore Augusto) si terrà la cerimonia di premiazione dei vincitori del Concorso letterario nazionale "Binari di Puglia".
Il Concorso - patrocinato da: Università degli Studi di Bari "Aldo Moro", Regione Puglia, Provincia di Bari, Comune di Bari, Ferrotramviaria SpA, Ferrovie Appulo Lucane e promosso dall'Associazione culturale "Fermenti letterari" di Bari - è stato immaginato per i pugliesi e non pugliesi che hanno utilizzato il treno per spostarsi in Puglia.
Il viaggio, inteso come spostamento da un luogo all'altro, lungi dall'avere funzione puramente strumentale, ha in sé una valenza conoscitiva: è conquista di nuovi spazi immaginativi e percettivi, è la possibilità di leggere la realtà con occhi nuovi. Il treno, poi, implica una modalità peculiare e particolarmente intensa di vivere lo spazio, il tempo e la socialità.
Vedere la Puglia dei treni e dai treni è un modo differente di vivere la nostra regione, è vivere una Puglia altra e scoprirsene parte.
Si è scelto pertanto di proporre la scrittura letteraria come mezzo per ripensare e riqualificare i tempi e gli spazi del viaggiare in treno, recuperandone la dimensione esperienziale. Per tutti i passeggeri delle ferrovie di Puglia l'invito è stato dunque quello a riscoprirsi viaggiatori.
Per dare a ogni partecipante la totale libertà di declinare il tema proposto nei modi a sé più compatibili, sono state attivate due sezioni di concorso: poesia e narrativa. La risposta ottenuta in termini di partecipazione e di qualità degli elaborati pervenuti è stata notevole e ha superato di gran lunga le aspettative degli organizzatori.
Durante la cerimonia di premiazione sarà presentato al pubblico il volume Binari di Puglia. Riscoprirsi viaggiatori, curato da Marina Stancarone (presidente dell'Associazione "Fermenti letterari"), che raccoglie i migliori elaborati in Concorso.
L'ingresso al Fortino Sant'Antonio sarà gratuito. Al pubblico sarà anche offerta l'occasione di visitare questa antica struttura, posta nel cuore della città, che venne realizzata per difendere Bari dalle incursioni dei pirati saraceni. Le prime testimonianze che la riguardano risalgono al 1359.
L'edificio, chiuso per moltissimo tempo per lavori di restauro, è oggi tornato al suo antico splendore, rappresentando una location-simbolo per gli eventi culturali della città di Bari.
Per informazioni: www.fermentiletterari.it
Ultimo aggiornamento ( Lunedì 28 Gennaio 2013 12:22 )
 

"Puglia e LIbertà" - Partecipazione alla 99° Giornata Mondiale del MIgrante e del Rifugiato

E-mail Stampa PDF
Il cantautore capursese e insegnante di religione cattolica Antonio Carbonara ha da poco terminato la registrazione del suo ultimo brano musicale Puglia e libertà". Su una base musicale che ricorda le performance bandistiche si accomoda un testo che denuncia la mancata integrazione degli immigrati nel
paese. Un brano che sarà presentato il 13 gennaio a Bari nella giornata mondiale sull'immigrazione. Dopo aver raccontato la sofferenza dei padri separati che non possono vedere i loro figli in "Per te", presentata da Ramona dell'Abate su Quarta Rete TV di Torino, la tragica storia dei due bambini di
Gravina di Puglia in "Ciccio Tore", canzone presentata dalla rete locale Telenorba e cantata durante il Festival di Avezzano dello scorso anno, e la triste realtà degli scomparsi in "Dove sei - Missing", canzone presentata presso la sala della Provincia nell'ambito del convegno "Persone scomparse e
media", organizzato dall'associazione Penelope Puglia di cui è addetto stampa, Antonio Carbonara canta la dura realtà degli immigrati. Il cantautore ci racconta che è stato l'incontro con un immigrato tunisino a spingerlo a scrivere il testo di "Puglia e libertà". "Ho conosciuto Mohamed l'anno scorso",
ci dice, "ho trascorso con lui molte ore nel tentativo di comprendere la realtà della sua esistenza, la sua sofferenze nel non vedere rispettata la sua diversità culturale e religiosa". Ma il testo di "Puglia e libertà" va oltre il dato fattuale. Nelle strofe si legge una denuncia allo sfruttamento del lavoro, al caporalato, all'indifferenza di quanti fingono di non vedere. Il titolo della canzone, quindi, va letto con ironia: la Puglia, terra tradizionalmente accogliente che promette libertà, si rivela un luogo di esclusione e di mancato rispetto della diversità. "L'integrazione dell' immigrato passa attraverso l'accettazione della sua alterità", dice il cantautore, "ma, considerati i numeri degli arrivi nella nostra regione, questo accade sempre più raramente, come dimostrano le tristi realtà del Cie e del Cara". Anche la base musicale,
arrangiata usando strumenti rigorosamente dal vivo da Giuseppe Bolognini presso lo studio di registrazione Bobostudios di Capurso, sembra un contrappunto ironico al testo della canzone: "Ho voluto comporre una base allegra, che ricordasse le bande musicali dei paesi, per metterla in contrasto con le parole della canzone che raccontano una realtà a dir poco difficile", ci conferma Antonio Carbonara, "non volevo che la canzone fosse di comprensione immediata, vorrei che, invece, stimolasse alla riflessione".

Fonte: Prof.ssa Maria Cristina Consiglio - redattrice Corriere di Puglia e Lucania
Ultimo aggiornamento ( Sabato 12 Gennaio 2013 19:53 )
 

Golf People Club House - Terrazza "Porta d'Oriente"

E-mail Stampa PDF

Dalla partnership tra Golf District Apulia con l'Hotel Oriente di Bari nasce il primo punto di incontro nel Sud Italia tra
Golf, Arte, Cultura, Enogastronomia, Shopping e...


Golf District Apulia è il primo distretto di golf presente nel Sud Italia e rappresenta un modo nuovo di concepire tale disciplina in particolare nella Regione Puglia.
Unitamente alla prestigiosa testata nazionale Golf People Club Magazine, si è avviata un'importante partnership con l'Hotel Oriente di Bari - Hotel storico e situato nel cuore pulsante della Città - che vede l'apertura a Bari (dopo Milano) della Golf People CLUB HOUSE. Questo per dare continuità alle conoscenze fatte nei circuiti di golf e nelle più qualificate strutture in Puglia.
Per noi è importante sviluppare il concetto "non solo golf " e con la CLUB HOUSE rafforzare i rapporti interpersonali, facendo incontrare il mondo del Golf con la Moda, il Giornalismo, l'Arte e la Cultura.
La CLUB HOUSE di Golf People ha da ora una sede anche nel Sud nella magnifica cornice dell'Hotel Oriente di Bari, con una serie di vetrine specializzate nell'abbigliamento tecnico e in tutto ciò di cui i golfisti possano aver bisogno, come un point per la lettura del magazine, il relax, la possibilità di gustare prelibatezze enogastronomiche, affermando così la ricchezza dell'Apulian Food Wine.
La splendida terrazza roof garden PORTA D'ORIENTE è il luogo ideale dove organizzare incontri culturali, eventi di moda, musica, fotografia, arte, convegni, integrandosi con il tessuto socio-economico e culturale del territorio.
Non solo Golf e non solo Puglia: l'atmosfera internazionale è garantita dagli ospiti dell'Hotel Oriente, frequentato da uomini di affari e turisti di eccellenza di tutte le nazionalità, con una significativa presenza di russi, che a Bari riservano sempre una attenzione particolare, per la presenza delle reliquie di San Nicola molto adorato nella chiesa ortodossa ed orientale.
L'evento inaugurale della CLUB HOUSE è fissato il 14 dicembre, dalle ore 19:30, con l'Happy Hour Shopping & Golf.
Un appuntamento che diventerà subito un must per tutti i golfisti e non golfisti.
Golf People CLUB HOUSE... NON SOLO GOLF...
Fonte: Golf district Apulia

Ultimo aggiornamento ( Venerdì 14 Dicembre 2012 09:36 )
 

Il Magistrato Scelsi presenta il suo libro

E-mail Stampa PDF

Sannicandro (Ba) - Giuseppe Scelsi, magistrato di lungo corso nella Direzione Distrettuale Antimafia di Bari (Dia) e oggi, alla Procura Generale di Bari, venerdì 21 dicembre, alle ore 18.00, nella suggestiva scenografica della caffetteria "Bar Grande" presenterà il suo romanzo: "Il colore del melograno".
La presentazione dell'opera letteraria sarà a cura di Tommaso Forte, giornalista de "La Gazzetta del Mezzogiorno", e dell'avvocato Vito Cutrone.
Il romanzo. Protagonista della storia è il sergente albanese Filip Galimuna, convinto di servire con amore la sua Patria e il suo popolo, si rivelerà, invece, spettatore, suo malgrado, della distruzione della sua famiglia prima e del disfacimento della sua Terra poi. Un romanzo vero che vuole mettere in luce le tragiche conseguenze della fine di regimi ingannevoli e totalitari, quelli che hanno messo in ginocchio interi popoli. Uno scritto, quello di Scelsi, che spinge alla curiosità verso una terra, l'Albania, appunto, della quale siamo non solo "fratelli", ma anche spettatori privilegiati di ben note vicende storiche e politiche. Scelsi, dunque, racconta una storia vera, autentica, appassionata, attraverso il sapiente intrecciarsi di vicende storiche e umane. Insomma, un romanzo tutto da leggere.
Fonte: Capurso on line - Redazione

Ultimo aggiornamento ( Lunedì 10 Dicembre 2012 17:44 )
 
Altri articoli...
Pagina 7 di 17