2 girls 1 cup

Ultime notizie

La Scuola Quasimodo-Melo di Bari, rende omaggio a don Tonino Bello

E-mail Stampa PDF
I ragazzi della scuola media Quasimodo-Melo di Bari hanno partecipato ad un progetto di approfondimento della figura del vescovo della diocesi di Molfetta- Giovinazzo-Terlizzi don Antonio Bello, culminato con la registrazione di un brano musicale inedito dedicato a don Tonino.
La figura di don Tonino è esemplare della missione sacerdotale, da lui svolta costantemente a contatto con gli umili e i disadattati in nome della fede e della pace, tanto che la Congregazione per le Cause dei Santi ne ha avviato il processo di beatificazione. Oggi, a venti anni dalla sua scomparsa prematura, numerosi sono gli eventi ufficiali in programma nelle varie diocesi della Puglia che lo hanno, in un modo o nell'altro, conosciuto.
Alle iniziative ufficiali devono essere aggiunte le iniziative personali di quanti hanno ritenuto doveroso ricordare don Tonino e farlo conoscere ai giovani che non hanno avuto la possibilità di vederlo in azione. Tra queste va menzionato il progetto voluto dal docente di religione cattolica Antonio Carbonara per i suoi alunni dell'istituto comprensivo San Giovanni Bosco/Quasimodo-Melo. Il progetto, che ha visto la collaborazione del Prof. Domenico Campanale, ex seminarista e amico personale di don Tonino Bello, ha coinvolto alcune classi della suola media Melo in un percorso di conoscenza del vescovo di Molfetta sia come figura pubblica, attraverso la visione di filmati di repertorio, sia come uomo, attraverso la narrazione di aneddoti e l'ascolto di testimonianze. Alla fine del percorso alcune alunne hanno partecipato come coro alla registrazione di un brano musicale inedito intitolato appunto "Don Tonino", composto e interpretato dal Prof. Carbonara e arrangiato musicalmente dal Prof. Giuseppe Bolognini.
Il testo ricorda i punti nodali della vita di don Tonino Bello, la sua sofferenza - "quell'uomo della croce che ha saputo con sé portare ogni sorta di dolore" -, la sua vicinanza agli ultimi - "persegue il suo destino di essere vicino ai limiti del mondo" -, il suo impegno per la pace che lo portò nel 1992 nella Sarajevo assediata dai serbi, e il suo concetto di fede cristiana e del ruolo della Chiesa, con l'espressione "chiesa del grembiule", coniata da don Tonino per sottolineare la necessità della Chiesa di farsi umile e agire direttamente sulle cause dell'emarginazione, ripetuta nel ritornello. La tematica strettamente religiosa del testo si adatta perfettamente per contrasto ad un arrangiamento moderno che si avvale di chitarre, basso, batteria e tastiere che hanno catturato l'interesse degli studenti della scuola, contribuendo al successo del progetto. 
Fonte: Maria Cristina Consiglio
Ultimo aggiornamento ( Giovedì 07 Marzo 2013 11:08 )
 

Per la Festa della donna la FIDAS promuove una campagna per la donazione “in rosa”. ALLE DONNE CHE AMANO LA VITA, L’INVITO AL DONO. Testimonial della campagna Rosalba Forciniti, medaglia di bronzo a Londra nella disciplina Judo

E-mail Stampa PDF

Dal 1° marzo è diffusa sul web la nuova campagna di sensibilizzazione al dono realizzata dalla FIDAS "Federazione Italiana Associazioni Donatori Sangue" con il sostegno della Fondazione con il SUD nell'ambito del progetto "FIDAS - La SFIDA di Donare". La campagna è rivolta all'universo femminile per avvicinarlo alla donazione del sangue e degli emocomponenti e il Presidente Nazionale FIDAS, dott. Aldo Ozino Caligaris, ha voluto presentarla spiegando che "in Italia ci sono oltre un milione e 700mila donatori di sangue, ma le donne sono solo il 30% del totale. Lo studio realizzato qualche anno fa dalla FIDAS in collaborazione con il Censis ha dimostrato quanto le donne, sebbene sensibili ai temi della vita e della salute, siano ancora distanti dal mondo della donazione sia per paure sia per disinformazione".
La campagna è stata studiata per dare rilievo a quante cose fa una donna e con quanto amore e generosità le compie ogni giorno per chi ama. Di qui l'invito a tutte loro a compiere quel piccolo gesto che può dare slancio e vita anche a chi non fa parte della propria ristretta cerchia di affetti: la donazione del sangue.
Portavoce di questo messaggio è Rosalba Forciniti, atleta del CS Carabinieri e della Nazionale, immagine positiva del judo e dello sport italiano, bronzo nelle Olimpiadi di Londra 2012; con generosità ha messo a disposizione in uno spot promozionale il suo sorriso e la sua simpatia, per incoraggiare le donne a "fare la mossa giusta". Lo spot, dal titolo "Campionessa di vita", cui si affianca una campagna visiva, percorre alcune delle

Ultimo aggiornamento ( Martedì 05 Marzo 2013 10:26 ) Leggi tutto...
 

Varaity 2013. Un successo annunciato nella prima di venerdi 22 febbraio. Alle coreografie il capursese Daniele Di Mauro. Da Venerdi 8 Marzo si replica al Teatro Purgatorio

E-mail Stampa PDF

Ha esordito venerdi 22 febbraio 2013, con la seconda edizione, il nuovo spettacolo "Varaity, cinema, Tv, canzoni a Teatro", presso il Teatro Purgatorio tutto esaurito. Si prosegue da Venerdi 8 Marzo sempre al Purgatorio.
Lo spettacolo scritto da Mirko Guglielmi (direttore artistico della scuola di danza "Palcoscenico") e Giuliano Ciliberti (cantante e attore da 15 anni della compagnia del comico Barese Nicola Pignataro) è (clicca sulla foto per la Photogallery) giunto alla sua seconda edizione dopo il successo riscosso nella prima.
I due autori riescono ancora una volta ad omaggiare, con umiltà e ironia, quei grandi artisti di un teatro ricco e popolare che stanno scomparendo anche dal palcoscenico della memoria.
La seconda edizione dei VARAITY è un nostalgico viaggio a ritroso dedicato a tanti fuoriclasse dell'avanspettacolo, ai loro felici tormentoni, alle ballerine coscia-lunga con lustrini e pailettes di seconda mano.
Nello spettacolo, si omaggiano  artisti che hanno fatto la storia della  televisione italiana, segnando gli anni più intensi e produttivi della RAI, da MACARIO a RENZO ARBORE, senza dimenticare le grandi dive come ORNELLA VANONI, MINA, LORETTA GOGGI ecc.
Nel cast Eleonora Magnifico artista "en travesti" (cantante e grande trasformista dalle capacità comiche indiscutibili), lo stesso Giuliano Ciliberti, che alterna momenti di dialogo con il pubblico a canzoni che hanno fatto la storia del costume italiano ed internazionale.
Le coreografie, affidate al promettente ballerino di Capurso Daniele Di Mauro, rispolverano le sigle e gli indimenticabili balletti di MILLELUCI, PARTITA DOPPIA e FANTASTICO.
Completa il cast, il preparatissimo corpo di ballo della Scuola Palcoscenico di Bari che è composto dagli stessi Maestri Daniele Di Mauro e Mirko Guglielmi insieme a Makrì Lasaponara, Luisa Losito, Giuliana Squeo, Martina Ficarra, Annalisa Tauro, Silvia Lomonte, Laura Pannarale e dalla bellissima Tiziana Loconsole sosia ufficiale di Raffaella Carrà.
Il pubblico, potrà assistere in questa seconda edizione di Varaity un grande omaggio al cinema di tutti i tempi... Alberto Sordi in Fumo di Londra, De Sica e Loren in Pane Amore e... arrivando ai temi di MOULIN ROUGE e dei film di OSPETEK.
Fonte: Capurso on line Redazione - Infotel Giuliano Ciliberti  347 31 60 103

Ultimo aggiornamento ( Mercoledì 27 Febbraio 2013 12:01 )
 

Signori in carrozza. "Binari di Puglia, Riscoprirsi viaggiatori"

E-mail Stampa PDF
L'evento organizzato dal Comitato Italiano Pro Canne della Battaglia è previsto per Sabato 2 marzo, in occasione della 6a Giornata nazionale delle ferrovie dimenticate, presso la Libreria La Penna Blu di Barletta (corso Vittorio Emanuele, 49), alle ore 17:00, nel corso del quale sarà presentato il volume Binari di Puglia, riscoprirsi viaggiatori, curato da Marina Stancarone ed edito dall'Associazione Culturale "Fermenti Letterari" di Bari.
Il testo raccoglie i migliori lavori selezionati e premiati dalla Giuria all'omonimo Concorso letterario nazionale. Dieci racconti e quattordici poesie, per un totale di ventuno autori. Ventuno voci per raccontare ventuno sguardi differenti sulla Puglia osservata dalla singolare prospettiva delle sue ferrovie, in quell'estrema varietà di toni, stili e modalità di rappresentazione che solo la molteplicità di punti di vista può rendere.
Presenterà il libro Nino Vinella, giornalista e presidente del Comitato Italiano Pro Canne della Battaglia.
Interverranno: Marina Stancarone, curatrice del volume e presidente dell'Associazione Culturale "Fermenti Letterari", Luca Lombardi, membro della Società Napoletana di Storia Patria, Stefano Savella, direttore responsabile di Puglia Libre, Paolo Polvani, poeta vincitore del Concorso Letterario "Binari di Puglia" per la sezione poesia, Domenico Lomuscio, ex ferroviere andriese.
Prendendo spunto dal volume, l'incontro vuole essere anche un'occasione per mantenere accesa l'attenzione sullo stato di precarietà della storica linea ferroviaria Barletta-Spinazzola. Realizzata nel 1894, tale linea necessita oggi di un intervento finalizzato al suo rilancio, contro la politica dei tagli, attraverso una mirata progettazione che la riqualifichi a uso turistico, paesaggistico e ambientale.
Durante la serata sono previsti intermezzi con reading "ferroviari" e variazioni musicali sul tema a cura del Liceo Musicale "Carlo Maria Giulini" di Barletta.
Fonte: Ass. Culturale Fermenti letterari
Ultimo aggiornamento ( Venerdì 22 Febbraio 2013 11:25 )
 

Carceri e Giustizia. Nuovo appuntamento dei Radicali Bari

E-mail Stampa PDF

Venerdi 22 febbraio a Bari a partire dalle ore 21.00, presso MUSA sapori & saperi, l'associazione Radicali Bari ha organizzato un nuovo appuntamento divulgativo e di sensibilizzazione rispetto ai temi Carceri e Giustizia. E' un appuntamento insolito pensato per denunciare lo stato di illegalità e di flagranza criminale in cui l'Italia si trova oggi, a seguito delle numerose condanne inflitte dalla Corte Europea per i Diritti Umani al nostro Paese. Condanne ricevute per la lesione del diritto alla ragionevole durata dei processi e per il trattamento violento, illegale e disumano riservato ai detenuti. Senza considerare la straordinaria sofferenza in cui opera la polizia penitenziaria.
Con l'ausilio di readings e videoproiezioni verrà narrato e posto in luce il gravoso problema del sovraffollamento carcerario, vissuto anche a Bari, come se ne darà testimonianza durante la serata.
Le immagini sono state gentilmente concesse dal vignettista Mauro Biani e dalla Mediateca regionale pugliese.
Il commento musicale è affidato al gruppo dei Lidian Locrian, composto da Piero Arcieri alla chitarra, Lino Marino al sax ewi, Nico Curatelli alla batteria, Leo Raggio alle percussioni, Onofrio Lorusso al basso elettrico.
MUSA Sapori Saperi, C.so Benedetto Croce 18 · Bari, Start evento, a partire dalle ore 21.00
Fonte: Giuseppe Masiello

 

Ultimo aggiornamento ( Sabato 23 Febbraio 2013 12:40 )
 
Altri articoli...
Pagina 6 di 17