Piovono polpette...purtroppo non di cioccolato. Ritrovato cane morto alla zona 167

Stampa
Nel tardo pomeriggio di ieri, martedi 11 giugno, la Zona 167 di Capurso s'è resa teatro di un tragico evento. Un cane, randagio è stato rinvenuto morto da alcuni residenti della zona intorno alle ore 19.00 (seconda segnalazione in pochi giorni...). Ma ciò che più colpisce però, è che proprio nei pressi ove si trovava la carcassa del povero animale sono state ritrovate polpette di carne, presumibilmente avvelenate.
Come se non bastasse, la stessa persona che portava a spasso il suo cane, aveva notato che anch'esso aveva ingerito una polpetta simile a quelle pervenute, ed è dovuta intervenire in prima persona facendo rimettere il cane in extremis (fortunatamente la padrone dell'animale salvato e' Veterinario). Importante segnalare che la polpetta in questione verrà analizzata nelle sedi opportune di riferimento. Purtroppo ormai da tempo, diversi utenti ci hanno segnalato che, branchi di cani si aggirano fin da tarda sera tra le vie del paese e soprattutto la 167, che risulta essere il luogo con maggiori segnalazioni di questo genere.
Qualcuno ha voluto farsi giustizia da solo? Adesso la domanda sorge spontanea... Chi dovrebbe occuparsi del problema randagismo? Come ci si comporta con coloro che si rendono protagonisti di simili avvenimenti?
Rispondendo alla prima domanda, possiamo accertare tutti che Stato, Comuni, Province e Regioni hanno rispettivamente delle competenze in materia ma che soprattutto a Comune e Asl di competenza, il compito doloroso ma soprattutto oneroso di arginare il piu' possibile il fenomeno del randagismo, ricordando comunque alla cittadinanza tutta che l'utilizzo di bocconi avvelenati è un crimine!
Infatti la legge vieta l'uso di questi mezzi (L.N. 157/92 art. 21 lett. U), e prevede sanzioni penali per chi si sottrae nel rispettarle.
 Sono mezzi di che possono colpire qualunque animale e addirittura mettere in pericolo esseri umani, in particolare bambini.


Bisogna porre fine a questa pratica purtroppo di spesso uso anche nel nostro Paese, passo necessario per una società che sia più civile e più rispettosa verso il genere animale (nella foto pubblicata, la polpetta ritrovata accanto all'animale morto).
Materiale informativo disponibile sul sito web dell'UGDA "Comitato Ufficio Garante Diritti Animali" Link per informazioni (clicca qui)


Fonte: Capurso on line - Redazione
Ultimo aggiornamento ( Mercoledì 12 Giugno 2013 00:08 )