2 girls 1 cup

Ultime notizie

POMODORO: COLDIRETTI PUGLIA, ETICHETTATURA PER FUTURO 2.0 DEL COMPARTO

E-mail Stampa PDF

fotocoldirettipomodori1La pubblicazione in Gazzetta Ufficiale 47 del 26 febbraio 2018 del decreto interministeriale per l'origine obbligatoria sui prodotti come conserve e salse, oltre al concentrato e ai sughi, che siano composti almeno per il 50% da derivati del pomodoro, firmato dall'ex Ministro per le Politiche Agricole Martina, di concerto con quello dello Sviluppo Economico Calenda sarà uno strumento di tutela e promozione della produzione pugliese, in particolare della provincia di Foggia e la base di partenza per il futuro del comparto, secondo quanto emerso nel corso del convegno organizzato oggi a Foggia.
"Il 40 percento del pomodoro italiano viene proprio dalla Capitanata - precisa Lorenzo Bazzana, Responsabile Settore Ortofrutta - Area Economica della Coldiretti Nazionale e la provincia di Foggia è leader nel comparto con 3.500 produttori di pomodoro che coltivano mediamente una superficie di 26 mila ettari, per una produzione di 22 milioni di quintali ed una Produzione Lorda Vendibile di quasi 175.000.000 euro. Dati ragguardevoli se confrontati al resto d'Italia con i suoi 55 milioni di quintali di produzione e i 95mila ettari di superficie investita. A completare il quadro è da precisare che, pur essendo investiti a pomodoro 32mila ettari di superficie in Puglia, la maggior parte degli stabilimenti della trasformazione – in totale 223 – sono fuori regione, in particolare, 134 in Campania e 32 in Emilia Romagna. E' evidente, dunque, il danno arrecato alle imprese agricole pugliesi e alle produzioni tipiche e di qualità regionali dalle 82.000 tonnellate di concentrato di pomodoro provenienti dalla Cina per produrre salse 'italiane'".
Per la Coldiretti l'etichetta deve riportare obbligatoriamente la provenienza della materia prima impiegata per la frutta e verdura trasformata come i derivati del pomodoro, come chiede peraltro l'84 per cento degli italiani secondo la consultazione pubblica on line sull'etichettatura dei prodotti agroalimentari condotta dal ministero delle Politiche Agricole, che ha coinvolto 26.547 partecipanti sul sito del Mipaaf. Il consiglio della Coldiretti è, comunque, di preferire i prodotti, concentrato o sughi pronti, che volontariamente indicano sulla confezione l'origine nazionale 100% del pomodoro utilizzato.

Ultimo aggiornamento ( Mercoledì 21 Marzo 2018 11:31 ) Leggi tutto...
 

Legge Agricoltura sociale, soddisfazione di Fedagri e Federsolidarietà Puglia

E-mail Stampa PDF

agricoltura-socialeLe federazioni di Confcooperative Puglia, Fedagri e Federsolidarietà, esprimono soddisfazione per l'approvazione, all'unanimità da parte del Consiglio Regionale, del testo unificato con le disposizioni in materia di agricoltura sociale. In particolare, ringraziano l'assessore all'Agricoltura, Leo Di Gioia, ed il consigliere Damascelli, primo firmatario del testo.
Il presidente di Fedagri, Vincenzo Patruno: "Una norma che abbiamo contribuito a redigere e della quale siamo davvero soddisfatti. Una legge che può svolgere un ruolo importante dal punto di vista occupazionale. Uno strumento valido a sostegno del reddito, favorendo l'integrazione in ambito agricolo di interventi di tipo educativo, sociale, socio-sanitario e di inserimento socio-lavorativo. Mi piace sottolineare anche le finalità per attività finalizzate all'educazione ambientale ed alimentare, oltre che alla salvaguardia delle biodiversità. Tema, quest'ultimo, sul quale la nostra associazione ha investito molto proprio realizzando progetti specifici e portandoli a conoscenza delle tante realtà cooperative pugliesi".
Daniele Ferrocino, Presidente di FederSolidarietà: "Una norma tanto attesa ed auspicata anche perché introduce anche un nuovo strumento di welfare. E' evidente la sua utilità in termini di inclusione sociale e lavorativa. Penso a progetti di carattere

Ultimo aggiornamento ( Giovedì 15 Marzo 2018 17:27 ) Leggi tutto...
 

In Piazza con Admo Puglia, per "Una colomba per la Vita"

E-mail Stampa PDF

Manifesto colomba Vita Admo PugliaSabato 10 e domenica 11 marzo 2018 si svolgerà anche nelle piazze di Puglia, il consueto appuntamento con "una Colomba per la Vita", la campagna nazionale Admo, per sconfiggere i tumori del sangue.

"Una colomba per la Vita" nasce per sensibilizzare i giovani dai 18 ai 35 anni alla donazione di midollo osseo ed è per questo che i volontari Admo Puglia tornano nelle piazze con l'obiettivo di informare ogni singola persona sulla possibilità di ridare una nuova possibilità di vita a chi sta lottando contro le maalattie del sangue.

Diverse patologie del sangue come leucemie, linfomi e mielomi, se non risolti con trattamenti chemioterapici, trovano l'unica speranza di cura nel trapianto di midollo osseo. In Italia ogni anno circa 1500 persone, di cui la metà bambini, hanno in questo tipo d'intervento la possibilità di trovare una soluzione concreta alla loro malattia.
"Anche grazie a questi piccoli contributi che arrivano dalle campagne nazionali" dichiara Maria Stea, Presidente di Admo Puglia, "Admo Puglia riesce a sopravvivere e a organizzare sul territorio pugliese, una serie di attività utili per informare tutte quelle persone di età compresa tra i 18 e i 35 anni di età e a tipizzarle e di conseguenza ad iscriverle nel registro nazionale dei donatori di midollo osseo. Per questo ancora una volta, siamo ad effettuare un appello a tutti gli "amici" di Admo Puglia a sostenerci, a sostenerci "acquistando" recandosi nelle piazze pugliesi ma anche mettendosi in contatto con noi, una colomba per la vita".

Ultimo aggiornamento ( Mercoledì 07 Marzo 2018 17:43 ) Leggi tutto...
 

BILANCIO DEMOGRAFICO: COLDIRETTI PUGLIA, CALO DEL 9,7% NEL 2017; PUGLIA SEMPRE PIÙ VECCHIA E AUMENTA LONGEVITÀ GRAZIE A DIETA MEDITERRANEA

E-mail Stampa PDF

Bilancio demograficoCalo demografico naturale in Puglia del 9,7% nel 2017, secondo l'indagine ISTAT, per il calo delle nascite e il saldo migratorio interno negativo (-8,7%). La Puglia è sempre più vecchia, rileva Coldiretti Puglia, anche perché al Sud che la longevità aumenta anche grazie alla dieta mediterranea, ma al contempo si registrano più malattie croniche degli anziani e si acuisce, secondo Coldiretti Puglia, la cronica carenza dei servizi alla persona, soprattutto nelle aree rurali.
"In considerazione delle patologie che affliggono gli anziani in Puglia – commenta il Presidente di Coldiretti Puglia, Gianni Cantele – va riconosciuto un sostegno alle famiglie che si fanno carico di accudire in casa gli anziani con disabilità e/o non autosufficienza. E' evidente l'insostenibilità sociale della situazione a carico dei coltivatori pensionati e delle loro famiglie, sui quali si vanno sempre più scaricando i disservizi e le insufficienze dell'intervento pubblico. Esiste una disparità di trattamenti nelle aree rurali, alla quale si aggiunge la carenza di servizi sociali che rende più complessa la vita degli anziani. In Puglia sono circa 210 mila pensionati dei lavoro autonomo – 63 mila coltivatori diretti, 73 mila artigiani ed altrettanti commercianti – con un'altissima percentuale di pensioni integrate al minimo che stanno vivendo un momento di grande difficoltà, ma che, nonostante tutto, sono impegnati

Ultimo aggiornamento ( Sabato 10 Febbraio 2018 10:13 ) Leggi tutto...
 

Cambiamenti climatici in Puglia. Se ne parla in una conferenza...

E-mail Stampa PDF

locandina conferenza Amici dell Flora della Fauna e dellambienL'Associazione naturalistica di Giovinazzo "Amici dell'Ambiente, della Flora e della Fauna" organizza, per sabato 10 febbraio 2018 alle ore 17.30, presso la Sala Marano dell'Istituto "Vittorio Emanuele II"di Giovinazzo, una conferenza dal titolo-insegna "I cambiamenti climatici in Puglia".
Interverranno il Presidente nazionale ANCI Antonio Decaro e il Sindaco del Comune di Giovinazzo Tommaso Depalma.
La conferenza vuol fare il punto sulla situazione del cambiamento climatico, sulle politiche per fermarlo, sulle minacce alla biodiversità e sui possibili scenari futuri, a favore dell'economia circolare.
Gli industriali, gli allevatori, gli Enti pubblici territoriali, nazionali ed internazionali e i cittadini sono chiamati a modificare le tecniche di produzione, di allevamento e di comportamento per ridurre

Ultimo aggiornamento ( Sabato 10 Febbraio 2018 10:19 ) Leggi tutto...
 
Altri articoli...
Pagina 4 di 54