Da 'pre-dissesto a Comune con un fondo cassa solidissimo'. Il Sindaco di Cellamare nella conferenza stampa di fine mandato

Stampa

conferenzastampadesantisCellamare, conferenza di fine mandato
Il sindaco De Santis: Da Comune in pre-dissesto a Comune con un fondo cassa solidissimo. È questo il risultato migliore dell'amministrazione uscente dal 2014 al 2019. A sottolinearlo più volte è il sindaco di Cellamare Michele De Santis, che, nella conferenza di fine mandato di ieri sera, ha ricordato - per esempio - come è stato risanato il debito fuori bilancio di 400mila euro.
"È fondamentale non andare sempre in anticipazione di cassa: chiedere anticipi alle banche diventa, alla lunga, un deficit quando si vuole accedere ai finanziamenti. È importantissimo approvare il Bilancio preventivo entro dicembre per poter lavorare dal gennaio successivo a ritmo spedito per tutte le necessità del Comune - ha detto DeSantis rispondendo a chi, nei giorni scorsi, lo ha accusato di avere fretta di portare il documento in Consiglio Comunale - diversamente può essere autorizzato solo un dodicesimo della spesa prevista e diventa molto complicato stabilire priorità".


De Santis ha voluto anche rassicurare i cittadini sulla validità degli atti compiuti dal 2016 dal funzionario contabile Giovanni Raimo che dal 27 febbraio non lavora più a Cellamare per inconferibilità dell'incarico, a seguito di una sentenza del Tribunale di Trani. Raimo, condannato per omissione d'atto d'ufficio, non è stato interdetto dal pubblico ufficio. Per una legge sull'anticorruzione, non può però, temporaneamente, assumere incarichi dirigenziali relativi alla gestione di risorse finanziarie. La vicenda, a cui la sentenza fa riferimento, riguarda fatti avvenuti nel Comune di Minervino Murge del quale Raimo è dipendente comandato. Così il sindaco ha riassunto le battute finali della vicenda: .
Nella conferenza stampa si è parlato anche di ambiente, con i dati promettenti della raccolta differenziata e la bonifica dei siti con amianto, dei tanti lavori pubblici realizzati e di quelli ancora da realizzare. Si è parlato di passato e di futuro nella nuova sala consiliare di castello Caracciolo, con il pubblico delle grandi occasioni.
Capurso on line - Amministrazione

Ultimo aggiornamento ( Sabato 02 Marzo 2019 14:09 )