2 girls 1 cup

Duro scambio tra PD Capursese e Sindaco Crudele. Il PD: 'L'Amministrazione sperpera denaro'. Crudele: 'Tutto falso, dal PD solo bugie e qualunquismo'

E-mail Stampa PDF

A dx il Sindaco Crudele in una recente uscita pubblicaDopo alcuni mesi di silenzio, alle soglie dell'estate, il PD capursese diffonde un comunicato, ricevuto anche dalla nostra Redazione, in cui accusa l'Amministrazione di avere sperperato 15.000 euro di denaro pubblico con spese non indispensabili. Una cifra piccola, certo, ma si sa, in un "periodo storico, i cui si chiedono notevoli sacrifici a tutti i cittadini" anche piccole cifre possono tornare utili.
Il comunicato, firmato dalla segretaria cittadina Rosanna Rignani, dal segretario dei GD di Capurso Giuseppe Liso e dai consiglieri comunali Stella Castellano e Carlo Capobianco, in un trionfo di punti esclamativi, ha toni particolarmente duri: "Al Palazzo di Città – si legge nel comunicato - non si bada a spese... per il benessere degli Amministratori! Nel giro di pochi mesi la cittadinanza, a sua insaputa, ha "regalato" al gruppo consigliare: una gita a Roma, gli arredi per la sala di

giunta e, da ultimo, l'Ipad al Sindaco Francesco Crudele. Con delibera di Giunta n. 84 del 27 maggio 2014, i "nostri amministratori" hanno deciso di partecipare ad un Forum a Roma. Tutto a spese della cittadinanza, ovviamente. "
Ma lo "spreco" di danaro pubblico non finirebbe qui, i quattro firmatari contestano anche l'acquisto dei nuovi arredi per la sala di giunta comunale per una spesa di €. 2.131,71 e di un IPAD a disposizione del Sindaco, per €. 951.
"Il nostro Sindaco - sostengono - con una indennità mensile di €. 3000,00 non poteva utilizzarne una parte per acquistarsi l'Ipad? Oltretutto, mentre si parla si spending review, quasi mille euro per uno strumento elettronico "voluttuario" ci sembra una spesa davvero esagerata!!!"
Poi nella lettera torna immancabile un vecchio cavallo di battaglia del PD capursese, l'attacco alla programmazione culturale e alle spese per comunicazione e marketing: "Da ultimo, per mantenere il livello della discussione politica sempre allo stesso punto, nel paese dei campanelli, per la "cultura" fatta di feste e festine, non ci si dimentica certamente di "regalare" altri soldi pubblici, stanziando altri €. 8000,00 per fare... marketing (delibera n.87 del 5 giugno 2014)!!!......"
A sx il Segretario PD, Rossana RignaniE intanto, sempre secondo il PD nostrano, "il paese è sommerso da nell'immondizia, non si è fatto un progetto minimo di lungo respiro su qualsivoglia "tema" e l'unica cosa in cui questa amministrazione è davvero capace è utilizzare i soldi della comunità capursese per sostenere la sua permanente compagna elettorale.
Il danaro di tutti continua ad essere utilizzato per manifestazioni di piazza, manifesti eventi ed incontri che nulla hanno a che fare con l'amministrare un paese. (...) Ad oggi, se si esclude l'inaugurazione di opere progettate dalle precedenti amministrazioni, non è stato cantierizzato alcunché: nessuna ristrutturazione del Cinema Enal, nessuna costruzione del Palazzetto dello Sport, rinuncia definitiva ad un Mercato Coperto: solo tasse e spese!"
Il Sindaco Francesco Crudele replica punto per punto dalla sua pagina Facebook, e senza mai citare direttamente i suoi interlocutori scrive: "Non posso accettare la violenta raffica di falsità, gratuiti attacchi personali, offese, calunnie e insulti che mi è arrivata in queste ora, dopo lunghi mesi di letargo, da una forza politica locale. Questa non è politica. Dove siamo arrivati? Perché tutta questa violenza? Capisco la difficoltà di chi deve fare una campagna elettorale contro un'Amministrazione che governa bene, parla con i cittadini, affronta i problemi e prova a guardare lontano, ma tutto mi sarei aspettato fuorché il ricorso maldestro a metodi qualunquisti stile grillismo prima maniera, da parte di chi dovrebbe fare riferimento a un partito nazionale. Perché non parliamo della villa comunale, del piano per il centro storico, del progetto comunità educante, che ha fatto di Capurso un esempio per tutta la regione, della scuola e della cultura, che a loro proprio non interessano? Invece vengo attaccato sul personale in modo grossolano, ma sbagliano bersaglio."
E poi, sulla sala riunioni: "La sala riunioni del Municipio è spesso usata per incontri pubblici o con la stampa: le sedie della sala riunioni (non di casa mia), erano ormai da sostituire. Mi sembra una banale questione di decoro e di presentabilità del paese."
Sullo stipendio: "La mia indennità netta è molto, molto più bassa di quella sognata dai miei detrattori, a fronte delle pesanti responsabilità di un Sindaco."
Sul Forum nazionale per l'efficientamento energetico: "Grazie alla "gita a Roma" arriveranno a Capurso nuovi importanti finanziamenti, come il mio collega Sindaco di Adelfia (politicamente molto vicino alla segretaria del PD capursese NDR), presente con me a quella riunione potrà bene spiegare."
Sull'Ipad: "L'ipad dell'Amministrazione è uno strumento di lavoro. Ogni ufficio comunale ha il suo computer, nessun funzionario usa il proprio."
Scatto d'orgoglio in difesa dei risultati ottenuti in questi anni dalla sua Amministrazione: "La bugia più grande è quella della mancata programmazione: nulla in questi quattro anni di Amministrazione è stato lasciato al caso, dalle opere pubbliche ai servizi sociali, dall'urbanistica alle finanze per finire alla cultura, che per noi è fondamentale. (...) In questi tempi di crisi siamo riusciti a fare camminare il paese, anche con soluzioni nuove, a dare lavoro e dignità e non elemosina ai cittadini in difficoltà, a proteggere i più piccoli, a difendere la qualità dell'istruzione, a fare più bello il centro storico e con esso tutto il paese, a migliorare il verde pubblico, a dare speranza ai giovani e fiato all'economia. Tutto questo non sarebbe stato possibile senza un programma. Ora per noi la sfida è andare avanti e, grazie all'esperienza di questi anni, provare a fare ancora meglio. Sconfiggendo l'invidia e la cattiveria per il bene di Capurso."
E in fine: "Il modo di fare, meglio sarebbe dire di non fare politica, di questa forza locale (sempre il PD ndr) è vecchio, squallido e appartiene al metodo della "macchina del fango". Noi siamo diversi."
Che dire a conclusione? A Capurso tra meno di un anno voteremo e le forze politiche iniziano a posizionarsi. Il PD, poco attivo fino ad ora, per guadagnare visibilità alza i toni puntando sui temi di facile presa, Crudele prova a rispondere coi fatti rendicontando i suoi anni di amministrazione convinto di potere ottenere ancora la fiducia dei cittadini. In attesa di altri soggetti interessati alla competizione, la campagna elettorale per le prossime comunali, qui da noi sembra una corsa a due. Le sorprese non mancheranno.
Capurso on line - Daniele Di Fronzo

Ultimo aggiornamento ( Martedì 15 Luglio 2014 05:39 )