2 girls 1 cup

Ultime notizie

Alle prese con i saluti e gli auguri delle festivita' natalizie. La Polisportiva Orsa presenta il primo bilancio di fine anno

E-mail Stampa PDF

I piccoli dell'OrsaAcademyBuon Natale e Buon anno nuovo. Sono le parole ricorrenti che in questi giorni, nell'Associazione sportiva Polisportiva Orsa Capurso, si stanno rivolgendo in tutti gli ambienti atleti, istruttori e dirigenti tutti. Ma e' tempo di bilanci in quella che e' da sempre a Capurso la casa di molti atleti e amanti del volley...
Nasce nel 1981 da una piccola costola dell'indimenticata Libertas Capurso (pallavolo maschile) del Professore e Preside dell'allora Scuola Media Venisti, Achille Padovano, la Polisportiva Orsa Capurso.
La Polisportiva sin da subito ha avviato attivita' sportive essenzialmente rivolte al gioco della pallavolo in campo femminile.
Anno dopo anno, tanti tecnici e dirigenti hanno dato corpo a quell'idea, dando una valida e qualificata alternativa allo strapotere dello sport "pallonaro" del calcio, attraverso un lavoro sempre più a braccetto con gli istituti scolastici locali.
Da sempre la Polisportiva stipula convenzioni con quelli che oggi sono gli Istituti Comprensivi in modo da portare "gratuitamente" tecnici ed esperti nelle palestre delle Scuole in orari curriculari in modo da promuovere le attivita' sportive rivolte essenzialmente al Volley.
Non solo volley...nel 2014 il progetto "Seduti. Si gioca".
Organizzato con il Patrocinio istituzionale del Comune di Capurso e la collaborazione preziosa delle Scuole, la Polisportiva e' riuscita a consentire ai piccoli

Ultimo aggiornamento ( Mercoledì 23 Dicembre 2015 17:35 ) Leggi tutto...
 

La Fanoje. Anche quest'anno nel borgo antico

E-mail Stampa PDF

fanoje2015Come ogni anno, torna di consueto la manifestazione della tradizione popolare capursese, "La fanoje".
Iniziata ieri nel centro storico di Capurso, con un ampio spazio dedicato ai mercatini di natale e ai sapori dell'enogastronomia locale, oggi la scena sara' rubata interamente dall'accensione del falo' in Piazza Gramsci.
Come narra la leggenda, il tradizionale fuoco fatto accendere in piazza, serve per riscaldare i panni della Madonna, in attesa in questo periodo natalizio del bambinello Gesu'.
Musica, mercatini di natale, il profumo inebriante del calzone di

Ultimo aggiornamento ( Lunedì 07 Dicembre 2015 15:49 ) Leggi tutto...
 

Il 6 e 7 dicembre, torna la Fanoje

E-mail Stampa PDF

lafanojeSacro e profano, come fin dalla notte dei tempi, si sposeranno ancora una volta il 6 e il 7 dicembre prossimo nel centro storico di Capurso.
La Fanoje, l'antica festa popolare che, oltre a confermare il suo tradizionale rito (l'accensione del falò in Piazza Gramsci il 7 dicembre, la vigilia dell'Immacolata) si rinnoverà in questa edizione di eventi sempre più ricchi e interessanti. Mercatini di Natale, artisti di strada, mostre, enogastronomia, musica e danza acrobatica. Un percorso nel borgo antico dell'affascinante comune a 10 km da Bari, con tanti piccoli fuochi che illumineranno e riscalderanno i suoi caratteristici vicoli dove: si mangerà, ballerà e canterà secondo gli antichi rituali contadini che – secondo la tradizione - propiziavano l'ingresso dell'inverno e del nuovo ciclo colturale, allontanando col fuoco gli spiriti malefici e consentendo alla Madonna di scaldare i panni del Bambinello che sta per nascere".
Un evento che si sviluppa in una stretta e inedita collaborazione tra i comuni di Capurso e Acquaviva delle Fonti che vede, i rispettivi primi cittadini, impegnati nella buona riuscita dell'iniziativa. Per Francesco Crudele, sindaco di Capurso: «La Fanoje è storicamente un appuntamento importante per la nostra cittadina. Migliaia di persone, ogni anno, raggiungono Capurso per vivere il calore e l'atmosfera natalizia del nostro borgo antico. Anche quest'anno saremo pronti ad ospitare ed accogliere nel migliore dei modi quanti decideranno di vivere con noi l'evento». Davide Carlucci, sindaco di Acquaviva delle Fonti, patria della cipolla rossa e del calzone dichiara: «Sono molto contento che i due comuni, entrambi legati da una forte tradizione come il calzone di cipolla, abbiano deciso di associarsi per questo patrimonio culinario. In qualità di presidente dell'associazione "Cuore della Puglia", spingo sempre il più possibile sul confronto tra le varie realtà cittadine per la promozione dei nostri prodotti».
Grande spazio dunque all'enogastronomia con due zone dedicate. Piazza Gramsci con

Ultimo aggiornamento ( Martedì 01 Dicembre 2015 18:17 ) Leggi tutto...
 

'La violenza sulle donne fa male'. Se ne parlerà in un convegno presso la Biblioteca Comunale nel giorno della giornata mondiale contro la violenza sulle donne

E-mail Stampa PDF

La locandina dell'incontroNell'ambito della giornata Mondiale dedcata alla violenza sulle donne di oggi 25 novembre, presso la sala conferenze della Biblioteca Comunale D'Addosio di Capurso, è stato organizzato un dibattito aperto dal titolo "Parlarne puo' salvare due vite".
Al dibattito organizzato dall'Assessorato alle Pari Opportunità del Comune di Capurso e dal consigliere comunale Mariella Romano, interverranno la dott.ssa Corsina De Palo insegnante, pedagogista e giudice onorario del tribunale dei minori di Bari, la Dott.ssa Marica Massara psicologa, psiciterapeuta e

Ultimo aggiornamento ( Mercoledì 25 Novembre 2015 16:13 ) Leggi tutto...
 

Al cartellone autunnale, torna 'il libro parlante'. Ospite Lino Patruno con 'Il meglio Sud'. In contemporanea una mostra di pittura

E-mail Stampa PDF

Il meglio Sud di Lino PatrunoLa Biblioteca comunale non lascia e (anzi) raddoppia. La sera di venerdì 13 novembre, vedrà la Sala Eventi della D'Addosio accogliere una mostra di artisti contemporanei e la presentazione del libro "Il meglio Sud", ultima fatica saggistica di Lino Patruno.
Il volume edito da Rubettino sarà presentato nell'ambito della rassegna letteraria "Il libro parlante", nell'ambito del cartellone de "L'Autunno della Cultura", organizzato dall'assessorato comunale alle Politiche culturali, che annovera tra gli eventi anche la mostra di arte contemporanea.
"Chi ha detto che il Sud è solo divario col Nord? Perché il temuto deserto del Sud può attendere? Sappiamo che il Sud produce più di interi stati europei? Come mai 500 anni dopo c'è un Galileo Galilei terrone? Conosciamo il Sud in grazia di Dio? Abbiamo mai visitato il Museo degli Orrori contro il Sud? Siamo sicuri che mafia faccia rima con Sud? Qual è il Sud cui conviene restare peggiore Sud? Davvero crediamo che non ci sia anche un peggiore Nord? Cosa spinge sempre più giovani a restare al Sud o a tornarci? Tu non conosci 'Il meglio Sud'. Tu non conosci le Resistenze del Sud: la traversata dei cento nuovi Mose, il fior fiore delle cento idee creative, le trincee dei cento ribelli positivi. Questo libro è un viaggio nel giorno buono di un Sud che entra nel futuro del mondo tecnologico partendo dal passato della città di pietra."
Tornando alla mostra, oltre ad artisti del calibro di Athos Faccincani, Ezio

Ultimo aggiornamento ( Giovedì 12 Novembre 2015 16:36 ) Leggi tutto...
 
Altri articoli...
Pagina 10 di 91