2 girls 1 cup

Ultime notizie

XYLELLA: COLDIRETTI PUGLIA, TRATTORI IN MARCIA CONTRO RISCHIO ESTINZIONE ULIVI. A LECCE TUTTE LE TAPPE DEL DISSECCAMENTO

E-mail Stampa PDF

UN ALBERO DI ULIVO, COLPITO DA XYLELLASin dalle prime luci di sabato 18 marzo, partirà la lunga marcia dei trattori contro il rischio estinzione che gli ulivi e l'olivicoltura pugliesi stanno correndo. I due cortei di agricoltori a bordo dei trattori, uno proveniente dal piazzale dello Stadio e l'altro dalla Statale 16, si incroceranno alle ore 9,00 circa in Viale Giacomo Leopardi per poi, raggiungere alle ore 9,30 l'ex Foro Boario (Piazza Carmelo Bene), per partecipare al grande incontro pubblico presso l'Hotel Tiziano.
Era l'ottobre del 2012 quando fu data la prima segnalazione da Parabita di anomali disseccamenti su un appezzamento di olivo, i primi sintomi della Xyella fastidiosa, una lunga agonia che, oltre a seccare gli alberi prima a Lecce e, poi, a Taranto e a Brindisi, ha profondamente cambiato il tessuto economico e sociale pugliese.
Delle tappe di questa complicata quanto virale vicenda, dei ritardi, delle omissioni e, soprattutto, delle misure urgenti da attivare per salvare l'olivicoltura pugliese si parlerà

Ultimo aggiornamento ( Venerdì 17 Marzo 2017 20:55 ) Leggi tutto...
 

'Il testamento di Don Liborio' di Umbero Rey al Teatro Angioino

E-mail Stampa PDF

Locandina Il testamento di Don LiborioAl Teatro Angioino di Mola di Bari sabato 18 e domenica 19 marzo 2017 il debutto de "Il testamento di Don Liborio" di Umberto Rey. Sul palco un dramma storico, uno spettacolo originale, che in un tempo di remake vuole portare in scena le verità nascoste dietro l'Unità d'Italia.
La piece, tratta dall'omonimo libro da poco pubblicato per i tipi della Giuseppe Laterza Editore, sarà rappresentata dall'autore nonché regista Umberto Rey, da Armando Merenda, Bruno Verdegiglio, Giuseppe Aversa, Maurizio Della Villa, Annalisa Boni, Mina Albanese, Teresa Cellammare e Benedetta Passaquindici.
La colonna sonora è della Professoressa Angela Montemurro. Affidata a Fabrizio Stagnani la direzione della produzione.
Umberto Rey, autore e regista del progetto: "Chiedendo ad un italiano qualsiasi chi fossero, chi sono stai, i padri di questa nazione tutti mi rispondono, ci rispondono, Vittorio Emanuele II, Cavour, Garibaldi e Mazzini. E' vero loro sono stati i padri, loro sono stati coloro che hanno fecondata l'Italia, ma chi l'ha allevata, chi ha formato l'Italia sotto il profilo morale, culturale e politico, sono stati anche Don Liborio Romano e la figura di Filippo Curletti. Questa verità è nella piace teatrale, nell'omonimo libro e domani in un film. "Il testamento di Don Liborio". – e sottolinea ancora - A partire dai libri scolastici ci viene raccontata una storia non attendibile in merito al Sud Italia. Si sa, sono sempre i vincitori a scegliere cosa raccontare, i Savoia in questo caso. Il meridione paga ancora questo scotto, ma con riferimento ad atti, documenti, verbali, citazioni e ricerche condotte da importanti storici è possibile cambiare punto di vista."

Approfondimento sull'opera

Fulvio Bedin è un famoso scrittore, storico e docente universitario torinese di metà '800, di fama internazionale, noto per i suoi libri che, con documentata e attenta analisi, raccontano la storia e le evoluzioni politico militari d' Europa.
Nel novembre del 1866, riceve nel suo studio una lettera di convocazione dall'ex Ministro degli Interni e della Guerra del Regno delle due Sicilie, ed in futuro deputato del neonato Regno d'Italia , il politico professor Liborio Romano, presso il palazzo Romano a Patu', in provincia di Lecce. Incuriosito e attratto da uno strano "post scrittum" dell'invito che evidenziava che , a seguito di quell'incontro, il suo nome sarebbe rimasto nella storia, accetta e decide di presenziare all'incontro in data 25 dicembre 1866.
Arrivato puntualmente in Puglia nel giorno e nell'ora stabiliti, a palazzo Romano, fa conoscenza del notaio Cosimo

Ultimo aggiornamento ( Venerdì 17 Marzo 2017 20:41 ) Leggi tutto...
 

A Lama Balice sigilli a capanno abusivo utilizzato come appostamento fisso per la caccia

E-mail Stampa PDF

FotoI militari della Stazione Carabinieri Forestale di Bari hanno posto i sigilli ad un appostamento fisso, costituito da un capanno di caccia dalle dimensioni 1.5 x 2 metri ed un'altezza di metri 2, realizzato nel territorio del Parco naturale regionale denominato "Lama Balice".
L'attività di indagine ha avuto avvio grazie alla segnalazione di un privato cittadino; in seguito, sono stati effettuati appostamenti ad opera dei Carabinieri Forestali di Bari.
Il capanno sequestrato – un appostamento fisso in piena regola - era costituito da una struttura metallica a sostegno; era ricoperto, per finalità di mimetizzazione, da giunchi di canna, flora spontanea recisa all'interno del parco.
Pur non avendo ancora individuato il responsabile, il sequestro preventivo è stato effettuato in virtù di violazioni paesaggistico – edilizie e di violazioni alla legge regionale della caccia, anche in considerazione del carattere regionale del parco di Lama

Ultimo aggiornamento ( Martedì 14 Marzo 2017 10:33 ) Leggi tutto...
 

Rigenerare le città con i Piani Strategici e i Distretti Urbani del Commercio attraverso la programmazione, la progettazione e la governance partecipata. Se ne discute in un convegno della Confesercenti

E-mail Stampa PDF


Il manifestoLa Confesercenti Metropolitana Terra di Bari ha organizzato il Seminario "COMMERCIO CITTA' COMUNITA'" che si terrà Giovedì 16 marzo 2017, alle ore 9,30, presso la Sala Consiliare del Palazzo della Città Metropolitana di Bari (Lungomare Nazario Sauro).
Temi del Seminario, saranno i Piani Strategici e i Distretti Urbani del Commercio, con particolare riferimento alla programmazione e alla governance partecipata per la riqualificazione delle città.
Il Seminario di approfondimento, è rivolto ai Sindaci e agli Amministratori locali, ai Dirigenti e Funzionari dei Comuni, agli stakeolders, alle Associazioni di strada e di quartiere, ai commercianti, artigiani e professionisti e ai cittadini, per acquisire elementi di conoscenza e di approccio al tema, in coerenza con quanto previsto dalla normativa innovativa promossa dalla Regione Puglia e dalle Associazioni di categoria del commercio maggiormente rappresentative. Una giornata di studio per apprendere e comprendere obiettivi, metodi, strumenti.
Seguirà una Tavola Rotonda nella quale autorevoli rappresentanti istituzionali e tecnici esperti si confronteranno sugli obiettivi e

Ultimo aggiornamento ( Lunedì 13 Marzo 2017 13:00 ) Leggi tutto...
 

MALTEMPO: COLDIRETTI PUGLIA, CONFRONTO SUI DATI PER RICOMPRENDERE BARI E BAT NELLA DECLARATORIA DI CALAMITA'; DANNI SU OLIVI EVIDENTI TRA 10 GIORNI

E-mail Stampa PDF

Maltempo"Proficuo incontro con l'Assessore all'Agricoltura Di Gioia sulla delicata vicenda della delibera di Giunta regionale sugli eventi calamitosi di gennaio scorso, in cui non è stato possibile inserire tra le aree oggetto del provvedimento anche le province di Bari e BAT. L'operato certosino degli uffici dell'Assessorato, eseguito sulla scorta delle denunce dei Comuni coinvolti, ha portato a relazioni tecniche che, secondo gli improbabili parametri imposti dalla Legge 102, hanno cagionato la esclusione delle due province. Abbiamo confermato il massimo supporto all'Assessore e nei prossimi giorni forniremo ulteriori dati certi di aziende orticole e zootecniche che hanno subito un danno anche superiore al 30%, acclarato dal rapporto tra ettari colpiti, valore delle produzioni e PLV andata persa a causa della nevicata di inusitata gravità".
E' il commento del Presidente di Coldiretti Puglia, Gianni Cantele, a margine dell'incontro in Assessorato per analizzare i dati che hanno portato alla delibera con la quale la Regione Puglia ha chiesto al Ministero delle Politiche Agricole la declaratoria delle eccezionali avversità atmosferiche.
"Analizzeremo le relazioni tecniche nel dettaglio – aggiunge il Direttore di Coldiretti Puglia, Angelo Corsetti - per dare un contributo utile, aggiungendo anche le denunce di aziende olivicole che potranno confermare tra 10 giorni la reale entità del danno sugli apparati produttivi e solo allora chiederanno la verifica degli uffici provinciali. A ciò si dovranno aggiungere documenti probanti l'effettivo danno su orticole che sono rimaste

Ultimo aggiornamento ( Venerdì 10 Marzo 2017 18:51 ) Leggi tutto...
 
Altri articoli...
Pagina 10 di 49