2 girls 1 cup

Disegni e poesie dei bambini di Terezin

manifesto_terezin_022.jpgterezin.gif
Disegno originale di
Renzo Vespignani
per il manifesto di una mostra dei disegni e delle poesie dei bambini di Terezin

Capurso, 12 Aprile 2001

L’Associazione Culturale “Maschere e Tamburi”
organizza dal 21 aprile al 1° maggio 2001
nella propria sede sociale ( II^ Traversa di Via Montesano n. 8/c - Capurso ) la mostra:

“Per non dimenticare le vittime della Shoah.
Disegni e poesie dei bambini del campo di sterminio di Terezin”.

L’iniziativa rientra nel quadro della celebrazione della “Giornata della Memoria” istituita con legge 211/2000.

Saranno esposti 79 quadri che riproducono alcuni dei disegni e delle poesie realizzati da bambini ebrei, deportati assieme ai genitori nel campo di Terezin, località in territorio ceco. Dei 15.000 bambini di Terezin, ne sopravvissero poco meno di un centinaio. La stragrande maggioranza di essi fu trasferita ad Auschwitz nel corso del 1944 e uccisa nelle camere a gas. Nelle baracche di Terezin i prigionieri adulti riuscirono ad organizzare per i bambini, nonostante le infinite difficoltà, una vita giornaliera che prevedeva persino l’insegnamento clandestino. Le poesie ed i disegni (circa 4000) che si è riusciti a salvare, fanno parte della collezione del Museo statale ebraico di Praga. Questo incredibile lascito ci parla di sofferenze e di speranze perdute.
La mostra messa a disposizione dall’Associazione Nazionale Ex Deportati Politici nei Campi Nazisti di Bologna, potrà essere visitata tutti i giorni dalle 9.300 alle 12.30 e dalle 17.30 alle 21.00
Sono previsti inoltre due appuntamenti di approfondimento e di testimonianza sul tema della Giornata della Memoria. Il primo incontro si svolgerà in concomitanza dell’inaugurazione della mostra.

Sabato 21 aprile alle 18.30, presentazione del volume “Fascismo e leggi razziali in Puglia”, edito a cura dell’IRSSAE Puglia.
Hanno assicurato la loro presenza gli autori:
il prof. Vito Antonio Leuzzi, direttore dell’Istituto pugliese per la storia dell’antifascismo e dell’Italia contemporanea; il prof. Francesco Terzulli, responsabile dell’Ufficio studi e programmazione del Provveditorato agli studi di Taranto; la d.ssa Mariolina Pansini, funzionaria dell’Archivio di Stato di Bari. Per l’IRRSAE Puglia sarà presente la prof. Rosaria Lopedote.

Sabato 28 aprile alle 18.30, testimonianza della sig.ra Elisa Springer.
Sopravvissuta ai campi di sterminio, ha raccolto nel volume “Il silenzio dei vivi” i ricordi della sua disumana prigionia vissuta ad Auschwitz, Bergen, Belse, Terezin. Per decenni dopo quella tremenda esperienza si è consegnata al silenzio, per protesta contro un mondo considerato incurante. Nel 1995 ha deciso che era venuto il momento di parlare e di testimoniare. Da allora, instancabile e decisa, con il suo racconto testimonia la memoria dolorosa dello Shoah, perché il futuro cancelli l’odio e impedisca il ripetersi di quell’orrore.

Siamo lieti di invitarLa alla iniziativa.

IL PRESIDENTE
Giuliana Boezio

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Partners

Su Facebook


Sondaggio

Raccolta differenziata a Capurso. Cosa ne pensi?
 

Login